Stampa / Print
di Steven Watson

100 mila miliardi per il Fondo Monetario Internazionale (FMI) aggiunti al progetto di legge per i fondi destinati alla Guerra.

I democratici del Parlamento americano hanno accettato di metter a disposizione un credito di 100 mila miliardi di dollari al Fondo Monetario Internazionale come aggiunta ai finanziamenti destinati alle operazioni in Afghanistan, Pakistan, e Iraq. L’importo aumenterebbe anche il contributo degli Stati Uniti al FMI di circa 8 mila miliardi di dollari e autorizzerebbe gli Stati Uniti a finanziare il piano del FMI di vendita di 400 tonnellate d’oro, in base a quanto affermato da portavoci di legislatori a Reuters.

Questo soddisfarrebbe l’impegno di Obama preso al G20 lo scorso Aprile di contribuire con circa 500 mila milardi di dollari al FMI, che userá i fondi “per aiutare le nazioni più povere durante questo periodi di rallentamento economico”. Ma in realtá, cosa il Ministero del Tesoro sta proponendo è una versione internazionale del salvataggio a Wall Street per il FMI, che corrisponderebbe poi a un salvataggio delle banche europee che stanno subendo gravi perdite nell’Europa centrale e orientale.
Se questa legge passa, vedremo consegnare nelle mani di banche straniere 100 mila miliardi di dollari pagati dai contribuenti senza aver nessuna possibilità di controllo. I repubblicani in parlamento, insieme anche al leader del partito di minoranza, John Boehner, hanno minacciato di votare contro la proposta di legge per i fondi alla Guerra se questa include anche i fondi per il FMI.
Come ha detto Boehner: “per essere chiari una volta per tutte, una legge per finanziare le truppe dovrebbe finanziare le nostre truppe. Sopprimere questa critica proposta di legge senza elargire denaro alle truppe non farà altro che allugare questo processo e costerà caro visto che c’è bisogno del voto repubblicano per approvarla”.
“Noi non dovremmo discutere questo. Non ha senso includere i fondi per il FMI in una proposta di legge per i fondi alla Guerra”. Ha detto il parlamentare Eric Cantor, un membro della leadership repubblicana.

La legge sarà votata in clima di estrema difficolta per la sua apparovazione dato che i voti del GOP sono necessari per contrastare i 51 voti dei democratici che si oppongono alla Guerra e che il mese passato hanno votato contro.
Se tutti i repubblicani votano no, il capogruppo dei democratici avrà bisogno di 18 voti per ottenere l’approvazione del disegno legge. E siccome i soldi per il FMI sono aggiunti alla proposta di legge per finanziare le truppe americane in combattimento, c’è molta pressione su quelli che vogliono votare contro questa proposta.
Abbiamo già sottolineato la proposta di dare più potere al FMI e di trasformare tale istituzione in una banca del mondo con il potere di stampare i propri soldi. Questa non fa parte di nessuna “teoria della cospirazione”. Come Il Washington Post ha bene sottolineato due mesi fa, questo programma è pubblico e disponibile in documenti del FMI, in interviste e relazioni di gruppi di esperti. Fa parte di un movimento che vuole dare ad gruppo di banchieri non eletti il potere e l’autorità di usurpare la sovranità di ogni stato, controllandone i programmi di sviluppo economico, e di instituire regolamenti per le varie istituzioni finanziarie nel mondo.
Come già detto precedentemente, sia il FMI che l’ONU stanno facendo pressione per far passare proposte che di fatto implementino una dittatura finanziaria globale. Entrambe le istituzioni hanno espresso sostegno per la creazione di una nuova moneta mondiale che sostituisca il dollaro e che serva come strumento per accellerare il loro piano di un nuovo ordine economico mondiale.

Fonte: http://www.prisonplanet.com/100-billion-bailout-for-imf-tagged-on-to-war-funding-bill.html

Tradotto per Voci Dalla Strada da Dr. FFB

Fonte: http://www.mercatoliberonews.blogspot.com/

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.