Stampa / Print
Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2009/05/rivoluzione-cinese.html

La cina e la sua moneta domineranno i prossimi decenni. Il dollaro perderà lo status di moneta principale. Questo passaggio costerà molto agli Stati Uniti. La possibilità di finanziare il debito a basso costo SVANIRA’.

L’ENORME DEBITO AMERICANO e LA SCARSA PROPENSIONE DA PARTE DEGLI ALTRI PAESI A FINANZIARE TALE DEBITO OTTENENDO UNA BASSISSIMA REMUNERAZIONE NON DIRERA’ A LUNGO.

una svalutazione del dollaro non è messa in discussione. La domanda che tutti si pongono è solo QUANDO???

Quale sarà la moneta che potrà sostituire il dollaro? Non certo la sterlina o l’euro o lo Yen. Il paese che oggi ha più forza è la Cina.

Il momento non è ancora gunto, ma il governo cinese sta pianificando il prossimo cambio.

Quando sarà il momento IL DOLLARO VERRA’ LASCIATO AL SUO DESTINO. I cinesi e tutti gli altri stati lo faranno svalutare in maniera significativa.

A quel punto tutte le materie prime diverranno TERRIBILMENTE COSTOSE.

Ben presto i beni che verranno prodotti saranno molto più costosi.

Noi europei, non aumentando il nostro potere d’acquisto non potremo fare altro che LIMITARE ULTERIORMENTE I CONSUMI.

Ovvero avremo prezzi più alti in presenza di una domanda in calo.

Le aziende soffriranno di capacità produttiva in eccesso e dovranno chiudere, fondersi o licenziare.

LA DISOCCUPAZIONE DIVERRA’ VIA VIA PIU’ ALTA.

PRECARI, DISOCCUPATI E LAVORATORI MAL PAGATI: ECO IL NOSTRO FUTURO.

IL FUTURO DEGLI STATI UNITI E DELL’EUROPA NON DEVE ESSERE BASATO SUI DEBITI E SULLE BOLLE. ma su una pianificazione economica di lungo periodo, sull’innovazione tecnologica, su un ridimensionamento del potere delle banche, sul recupero della produzione e dell’agricoltura. Investire in sanita’ istruzione e pensioni. Investire in fonti energetiche e in materie prime.
l
Tutto l’opposto di quello che gli Stati uniti stanno facendo…per non parlare dell’Italia.

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.