Stampa / Print
Fonte: http://temi.repubblica.it/micromega-online/referendum-di-pietro-contro-franceschini/

Il leader dell’Italia dei valori spiega a MicroMega la necessità di impedire la vittoria del sì al referendum elettorale del 21 giugno e attacca la linea del Pd: “Non ci stiamo alla rassegnazione di sceglierci l’arma con cui uccidere la democrazia, se il coltello dell’attuale legge elettorale o il mitra della legge elettorale che ne verrebbe fuori così come la vuole Berlusconi. Non possiamo dare in mano a dracula anche il pronto soccorso. Il segretario del Partito democratico vorrei comprendesse che avere i paraocchi in questo momento significa portare alla deriva la democrazia in Italia. E’ come se ci trovassimo a bordo di una macchina in cui siamo saliti – il referendum – per raggiungere un obiettivo – una nuova legge elettorale – e ci accorgiamo all’improvviso che qualcuno ci ha sabotato i freni e quindi rischiamo di deragliare e di andare a sbattere il muso, se non addirittura di finire in un precipizio. Credo che un leader di partito si veda anche quando ha il senso di umiltà e responsabilità di rivedere le proprie posizioni. Spero che all’interno del Pd qualcuno faccia capire a chi non vuol capire che non può fare un passo così pericoloso per la democrazia.”

(13 maggio 2009)

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.