Stampa / Print
Fonte: http://www.ecplanet.com/blog/archive/2009/05/01/l-alterazione-dei-ritmi-circadiani-influenza-la-depressione.html

C’è chi di noi è abituato ad avere ritmi di vita alterati, cioè ad andare a dormire quasi all’alba e quindi svegliarsi dopo mezzogiorno; chi salta il pranzo o la cena ecc. Ebbene, si sa che uno stile di vita di questo tipo non è sicuramente salutare, ma addirittura sembra che, in alcune situazione, questa condotta possa risultare pericolosa.

Per chi è affetto da episodi depressivi e disturbi bipolari, questa alterazione dei ritmi circadiani può rappresentare un problema aggiuntivo, nel senso che dopo l’osservazione di uno studio svolto dall’Università di Firenze su circa 190 soggetti, si è visto che quasi tutti hanno presentato una variazione dell’alternanza sonno-veglia nei giorni precedenti ad un episodio depressivo.

In questi soggetti si osserva in particolare un avanzamento di fase di tali ritmi: sia il risveglio mattutino, sia il picco della temperatura, che la secrezione di particolari ormoni, come cortisolo e melatonina, risultano anticipati di alcune ore.

Fonte: http://www.benessereblog.it/

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.