Stampa / Print
Fonte: http://www.ecplanet.com/blog/archive/2009/05/01/la-valvola-aortica-biologica-su-misura-per-gli-anziani.html

La scoperta rappresenta una opportunità per i pazienti non più giovani e per quelli che rischierebbero troppo con un intervento chirurgico.

La procedura è stata elaborata da una squadra di cardiochirurghi guidati da Mario Viganò, in collaborazione con alcuni cardiologi interventisti. Si archiviano chirurgia a torace aperto tradizionale e tecniche mininvasive. Non è necessario sottoporre il paziente a circolazione extracorporea: basta una piccola incisione di 4-5 cm a livello della parete toracica sinistra per introdurre una nuova valvola aortica biologica. In casi selezionati l’impianto può essere effettuato addirittura senza l’apertura del torace, attraverso l’arteria femorale.

Finora i pazienti ad alto rischio chirurgico potevano essere trattati solo con terapia medica, con un conseguente ridimensionamento delle aspettative di vita. «Il nostro primo paziente – dice Viganò, direttore della cardiochirurgia – è stato un signore di 82 anni con diverse patologie.

Il secondo, di 72, presentava l’aorta ascendente completamente calcificata. La permanenza in sala operatoria è stata di circa un’ora e mezza, la degenza mediamente di 5 giorni. Oggi stanno bene e sono stati entrambi dimessi. Questo nuovo approccio – conclude – è attualmente indicato in pazienti con stenosi valvolare aortica calcificata a rischio chirurgico molto alto».

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.