Stampa / Print
Fonte: http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=9119

di Pietro Ancona

Il fascismo fu sconfitto non solo perché Mussolini perse la guerra e l’Italia fu liberata con il concorso attivo della Resistenza ma sopratutto perché l’opposizione in esilio e nelle carceri seppe conservare un sistema di valori completamente antitetici a quelli del regime durato un ventennio. All’idea di razza contrapponeva l’idea dell’umanità; alla retorica della guerra una profonda convinzione pacifista, al culto del superuomo la fede nella democrazia. Socialisti, comunisti, cattolici, repubblicani, liberali seppero custodire i valori poi trasfusi nella Costituzione e non ebbero mai cedimenti verso l’ideologia del regime. Ricordiamolo sempre: Pertini rimproverò la madre per aver chiesto la grazia a Mussolini e scontò quindici anni di carcere senza concedere alcuna indulgenza al fascismo. Con lui migliaia e migliaia di resistenti. Oggi, a fronte della xenofobia della Lega e dello smottamento del sistema legislativo italiano verso l’autoritarismo non mancano le adesioni di autorevoli esponenti del PD a scandalose decisioni del governo come quella del respingimento in mare di migranti in fuga dai disastri provocati dall’Occidente in Africa ed in Asia. Fassino ha rilasciato dichiarazioni di pieno consenso e legittimazione di atti condannati dall’ONU e contrari ai principi della solidarietà umana. Un atto prepotente di assoluta illegalità quale il trasloco in acque internazionali di migranti ed il loro forzoso “rimpatrio” in Libia è stato giustificato ed avallato. L’Italia ha compiuto un atto di vera e propria pirateria riportando ad un neppure certo porto di partenza i migranti. Dal momento che i migranti erano stati imbarcati nelle motovedette italiane avevano acquisito un diritto di ospitalità regolato da precise norme. Dovevano essere assistiti ed ascoltati e sbarcati in Italia. Quanti tra di loro erano profughi da guerre o da dittature non dovevano essere restituiti alla realtà dalla quale fuggivano. La dichiarazione di Fassino spezza una lancia a vantaggio di Maroni e della Lega nel momento in cui la maggioranza di centro-destra è attraversato da dubbi e perplessità sul ddl sulla sicurezza e spinge quanti nel centro destra erano riluttanti a votare provvedimenti liberticidi e xenofobi a fare marcia indietro. Non ho dubbi che ronde, spionaggio dei presidi e dei medici, aumento a sei mesi della detenzione nei Cie, discriminazione dei bambini con genitori sprovvisti del permesso di soggiorno saranno sostenuti con maggiore forza dai leghisti e avranno maggiori probabilità di essere approvati. Tutto questo mentre cresce l’incattivimento delle istituzioni e del Paese. La giunta di centro-sinistra di Bergamo vara un regolamento per il quale i mendicanti potranno chiedere l’elemosina soltanto durante una sola ora del giorno (!!) e credo soltanto in una determinata via. A Milano un noto leghista propone l’apartheid sui mezzi pubblici senza registrare una seria opposizione dentro le istituzioni. Chissà, magari Penati, finanziatore delle ronde, sarà d’accordo! A Napoli, una ragazzina accusata dalla camorra di voler rubare un bambino è stata ri-condannata a tre anni e sei mesi di reclusione pur essendo innocente! Alla vigilia dei bombardamenti americani sulla popolazione civile dell’Afghanistan soldati italiani sparano ed uccidono una tredicenne. I bombardamenti sull’Afghanistan e la faccia feroce che si mostra ai migranti sono due momenti della stessa politica di rottura, di guerra guerreggiata con i poveri del mondo.Lo smottamento a destra del sistema politico italiano subisce una accelerazione ad opera di una opposizione parlamentare che ha disperso il grande patrimonio di valori ereditato dalla cultura comunista e da quella cattolica. http://medioevosociale-pietro.blogspot.com/http://www.spazioamico.it/

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.