IL GRANDA ANDREA !!!!!!!

Stampa / Print
Fonte: http://mercatoliberonews.blogspot.com/2009/05/il-granda-andrea.html

Se proprio vogliamo sforzarci di intravvedere in queste placide acque che nascondono artificialmente, il ricordo di una tempesta perfetta, qualche notizia di un certo rilievo, non possiamo fare a meno di evidenziarla tra le pieghe delle ” minute ” dell’ ultimo incontro della Federal Reserve, il disperato tentativo di combattere questo uragano deflativo che si sta abbattendo sull’economia americana e mondiale…..
Members also agreed that it would be appropriate to continue making purchases in accordance with the amounts that had previously been announced—that is, up to $1.25 trillion of agency MBS and up to $200 billion of agency debt by the end of this year, and up to $300 billion of Treasury securities by autumn. Some members noted that a further increase in the total amount of purchases might well be warranted at some point to spur a more rapid pace of recovery ; all members concurred with waiting to see how the economy and financial conditions respond to the policy actions already in train before deciding whether to adjust the size or timing of asset purchases.
Qualcuno ha osservato che servirebbe un piccolo elettroshock per stimolare un più rapido recupero per questo svogliato ciclo economico, prospettando un aumento nell’acquisto di titoli MBS e a lungo termine, nel disperato tentativo di insinuare nei mercati le famigerate “aspettative di inflazione “. Riusciranno i nostri eroi ad innondare i mercati di una fresca e efficace inflazione in modo da spegnere l’incendio della deflazione?
The Committee reaffirmed the need to monitor carefully the size and composition of the Federal Reserve’s balance sheet in light of economic and financial developments.
Nel frattempo si valutano le dimensioni e la composizione del bilancio alla luce degli sviluppi attuali!
Sembra che il FOREX, quell’oceano immenso che corrisponde al mercato valutario, stia ascoltando il lamento della Federal Reserve e il dollaro si stia adeguando alle sue visioni!Interessante inoltre notare come PAUL_KRUGMAN si stia interessando a Minsky e al suo Minsky Moment, uno dei maggiori interpreti della DEBT DEFLATION di Irving Fisher……..
There’s a deep insight in there; both the concept of financial fragility and his insight, way ahead of anyone else, that as the memory of the Depression faded the system was in fact becoming more fragile.
” Minsky ha proposto alcune teorie che mettono in relazione la fragilità dei mercati finanziari e le bolle speculative endogene ai mercati.
Fondamentalmente, Minsky sostiene che in periodi di espansione, quando il flusso di cassa delle imprese supera la quota necessaria per pagare i debiti, si sviluppa un’euforia speculativa. All’origine delle crisi vi è un displacement, cioè uno “spostamento”, che altro non sarebbe che un evento esterno rispetto al sistema macroeconomico, che spinge i soggetti a credere che vi saranno forti rialzi nel valore delle attività (siano queste reali o finanziarie). Ne consegue un’espansione creditizia, che alimenta ulteriormente l’euforia. Nel momento in cui ci si rende conto che l’espansione dei prezzi è terminata, inizia la corsa alla vendita, che può portare al panico sui mercati, e ad effetti negativi anche sull’economia reale.[1] Notevole, il collegamento tra le teorie di Minsky e la crisi dei mutui SubPrime. ( WIKIPEDIA )
Dando poi un’occhiata qua e la nel centro di gravità permanente della crisi che tutti ormai vedono come un bagliore lontano che si sta lentamente spegnendo, eThanks to Calculatedriskblog
Nel frattempo in quella che sarà un lunga e strana calma prima di una eventuale tempesta finale nel mercato immobiliare e nella sua correlazione, Credit Suisse aggiorna il quadro complessivo delle reimpostazioni dei famigerati mutui ARMs! Questa qui sotto è la mappa che abbiamo già visto mentre ………………quest’altra invece è l’ultima proposta, nella quale si evidenzia un particolare “sussulto” o “rigurgito” come lo volete chiamare in atto tra aprile e maggio di quest’anno!!Interessante inoltre dare un’occhiata a quanto sta accadendo sul versante delle possibili potenziali foreclosures future, città per città proposta da CNBC . Si tratta ovviamente di tutte quelle situazioni che evidenziano le cosidette ipoteche ” Underwater ” dove ormai il valore delle abitazioni è inferiore al residuo mutuo, al valore delle garanzie! MERCATO_IMMOBILIARE: UNDERWATER!House-Price Drops Leave More Underwater WSJ_Icebergfinanza come un cantastorie che si esibisce nelle strade e nelle piazze delle città!
La “filosofia” di Icebergfinanza resta e resterà sempre gratuitamente a disposizione di tutti nella sua “forma artigianale”, un momento di condivisione nella tempesta di questi tempi, lascio alla Vostra libertà, il compito di valutare se Icebergfinanza va sostenuto nella sua navigazione attraverso le onde di questo cambiamento epocale!
Per sostenere ICEBERGFINANZA clicca qui sotto siste una analisi fatta da alcuni analisti di Goldman Sachs che prende in considerazione gli effetti della deflazione sugli affitti, ovvero il continuo calo ultimo di questi che automaticamente esercita un’ulteriore attrattiva al ribasso sui prezzi degli immobili che devono necessariamente rincorrere il rapporto tra prezzi delle abitazioni e affitti, tra affitti e redditi. Postato da: icebergfinanza a maggio 21, 2009 07:34 | link | commenti (40)http://icebergfinanza.splinder.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *