UNO STUDIO DELL’NCI COLLEGA L’ASPARTAME ALLA LEUCEMIA/LINFOMA

Stampa / Print
Fonte: http://www.laleva.org/it/2009/05/uno_studio_dellnci_collega_laspartame_alla_leucemialinfoma.html

UNO STUDIO DELL’NCI (NATIONAL CANCER INSTITUTE) COLLEGA L’ASPARTAME ALLA LEUCEMIA/LINFOMA

Il 20 aprile l’EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) loda l’aspartame contenente formaldeide

Il 14 maggio l’NCI sostiene lo studio che collega la formaldeide alla leucemia o linfoma

Da Mission Possible International

Il 20 aprile 2009 l’EFSA ha anunciato: …”sulla base delle prove attualmente disponibili, tra cui il secondo studio pubblicato dall’ERF (Fondazione per la ricerca sull’epilessia), non c’è niente che faccia pensare ai possibili effetti genotossici o cancerogeni dell’aspartame e non c’è alcun motivo di rivedere l’ADI (consumo giornaliero consigliato) di aspartame pari a 40 mg/Kg al giorno”. In realtà l’aspartame è un additivo eccitoneurotossico, geneticamente costruito, cancerogeno che interagisce praticamente con tutti i medicinali.

L’EFSA è talmente accecata dalla fedeltà agli interessi commerciali da inventare obiezioni contro la ricerca medica acclamata, ignorando le vite sofferenti e rovinate; la sua cupidigia porta alla morte un intero continente.

Nel 2005 la rinomata Fondazione Ramazzini di Oncologia e Scienze Ambientali ha portato avanti per tre anni uno studio rigoroso su 1800 ratti, concludendo che: l’aspartame provoca aumenti significativi di linfomi/leucemie ed è un multipotenziale cancerogeno. L’EFSA ha inventato delle “carenze” nello studio allo scopo di proteggere i produttori di veleno contro gli animali.

Il secondo studio svolto dall’ERF nel 2007 ha confermato del tutto il primo. Il dottor Morando Soffritti, che ha condotto entrambi i progetti, ha fatto notare che la quantità di formaldeide sviluppata nei ratti esposti ad aspartame ha fatto diventare la loro pelle gialla.

Chi è in realtà l’Autorità europea per la sicurezza alimentare? Nel 2002 un articolo sull’aspartame realizzato dal Comitato scientifico della Commissione europea sull’alimentazione ha cercato di far passare come sicuro questo farmaco che crea dipendenza letale. Un’affermazione fatta dall’Agenzia europea anti-frode (OLAF) ha rivelato che questo parere è stato scritto da una singola persona e non dall’intero Comitato scientifico sull’alimentazione. L’OLAF non ha rivelato il nome di questo individuo né tantomeno la competenza tecnica o il conflitto di interessi da lui/lei posseduti.

NOTA di La Leva:

Spulciando tra le cosiddette “dichiarazioni di indipendenza” sul sito dell’EFSA abbiamo trovato la dichiarazione di un certo PARENT-MASSIN Dominique, membro del comitato degli additivi alimentari (ANS) dell’EFSA, indivinate un po’… Il Sig. MASSIN è anche membro del comitato scientifico della AJINOMOTO, società produttrice dell’aspartame. Che sia lui l’uomo senza nome?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *