LA ROBIN TAX AUMENTA PER REGALARE I SOLDI AI GIORNALI

Stampa / Print
Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2009/05/la-robin-tax-aumenta-per-regalare-i.html

I giornali riceveranno dallo stato dei nuovi contributi per l’editoria. Ben 140 milioni di euro (quasi 280 miliardi delle vecchie lire).

In piena crisi economica il nostro governo DECIDE DI AIUTARE I GIORNALI.

Avete capito perchè per un giornale non è facile fare informazione vera? Come si fa ad andare contro chi TI TIENE IN VITA E TI MANTIENE?

Ma andiamo per gradi:

La Robin tax passa dal 5,5% al 6,5%. Qualcuno potrebbe pensare : ma chi se ne frega!

E invece no. La Robin tax colpisce in primis ENI e il settore delle benzine.

Come sapete, l’introduzione della Robin Tax fu decisa da Tremonti quando il petrolio stava a 140 dollari dicendo che era ignobile e immorale il guadagno dei petrolieri.

Ottimo! qualcuno potrebbe pensare…

Peccato che quando il petrolio torna a 50 dollari questa tassa non venga tolta. Anzi, notizia di oggi, viene aumentata….
E’ ovvio che Eni abbia deciso, al fine di mantenere i margini di profitto, di PASSARE TALE TASSA AL CONSUMATORE FINALE: ovvero a CHI VA A FARE IL PIENO DI PETROLIO e affini!!!

Ora…pensiamo ci bene….
1)IL NOSTRO GOVERNO AUMENTA LA ROBIN TAX A ENI.
2) ENI AUMENTA IL PREZZO DELLA BENZINA
3) I SOLDI CHE IL GOVERNO INTASCA LI GIRA AGLI EDITORI
4) GLI EDITORI NON VANNO CONTRO IL GOVERNO
5) IL CITTADINO, PAGANDO DI PIU’ LA BENZINA AIUTA I GIORNALI A VIVERE E A FARE PROFITTI
6)GLI EDITORI RIESCONO A LICENZIARE UNPO’ DI GIORNALISTI DI TROPPO.
7) I CITTADINI – CHE COMPRANO SEMPRE MENO GIORNALI – SUBISCONO PIU’ TASSE E MENO INFORMAZIONE LIBERA.

IL CERCHIO SI CHIUDE: MACCHIAVELLI NON AVREBBE POTUTO FARE DI MEGLIO!

Ma non è cosi’ che si riforma un paese. Non è cosi’ che la fiducia ritorna fra gli italiani. Non è cosi’ che si gettano le basi per una rinascita morale ed economica.

La casta è ancora li’ con tutti i suoi privilegi e tutti i suoi difetti.

Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *