Le donne sensibili provano più piacere

Stampa / Print
Fonte: http://www.ecplanet.com/blog/archive/2009/05/14/le-donne-sensibili-provano-piu-piacere.html

Le donne che hanno una maggiore sensibilita’ emotiva, provano più piacere nel fare sesso. È quanto emerge dall’esito di una ricerca inglese condotta su oltre 1.000 coppie di donne gemelle. Le persone più abili a percepire sia emozioni e sentimenti propri che quelli del compagno, raggiungono mediamente un maggior numero di orgasmi rispetto alle altre.

Lo studio è stato condotto dal professor Tim Spector, direttore del dipartimento di ricerca gemellare del ‘King’s College’ di Londra. Le partecipanti hanno dovuto compilare un questionario fornendo dettagli sulle loro performance e il comportamento sessuale e rispondendo a domande riguardanti la loro sensibilità emotiva.

Il professor Spencer sottolinea come questi risultati dimostrino “una spiccata sensibilità emotiva sia un vantaggio in molti aspetti della vita di una persona, incluso quello sessuale”. “Questo studio – conclude il docente – sarà di enorme importanza per lo sviluppo delle terapie comportamentali e cognitive volte a migliorare la vita sessuale delle donne”.

Dallo studio risulta inoltre che un terzo delle donne dichiara di avere difficoltà o impossibilità a raggiungere il culmine del piacere durante il rapporto sessuale. Per Andrea Burri, co-autore con Spector della ricerca, “la sensibilità emotiva sembra avere un impatto diretto sul comportamento sessuale delle donne che è influenzato dalla abilità femminile di comunicare al proprio partner i loro desideri e le loro aspettative sessuali”.

Paula Hall, psicoterapeuta specializzata nel campo sessuale, sostiene che sono molti gli uomini e le donne che per questioni del genere “avranno problemi in diverse tappe della loro vita. È una situazione che può verificarsi frequentemente – aggiunge – soprattutto quando si è stanchi, stressati o si hanno problemi di relazione”. I risultati della ricerca sono stati pubblicati anche sul ‘Journal of sexual medicine’.

Fonte: salute.agi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *