MANDURIA E MORTE: PIÙ MORTI CHE VIVI – COSA ASPETTIAMO AD INTERVENIRE ????

Stampa / Print
Fonte: http://www.amicicani.com/index.php?oper=newsleggi&id=1469

Il Canile Sanitario e Rifugio di Manduria (Taranto) sequestrato a febbraio 2009 è stato dato in custodia giudiziale al gestore che ha già fatto ben 274 vittime. Le vittime naturalmente sono i cani, i poveri ed indifesi cani.

Il Tg2 e La7 nel settembre scorso con un blitz, riuscirono a mostrare al pubblico l’agonia di povere bestie malate e denutrite, con ferite invase da mosche e parassiti, senza che qualche volontario, a cui è negato l’accesso possa alleviare le loro sofferenze.

La struttura, di proprietà del Comune, risulta essere un ex mattatoio, struttura certo non adeguata ad ospitare cani, detenuti in ambiente angusto e che difatti, anche nell’anno 2004, è stata sottoposta a sequestro amministrativo per motivi sanitari, causa del sovraffollamento e della carenza di condizioni igienico-sanitarie consone. La pavimentazione è quasi assente o coperta di escrementi e liquami prodotti dalle povere creature detenute, le reti metalliche sono a maglia larga che permettono il contatto tra cani dimorati in box comunicanti e che pertanto permettono loro di aggredirsi, sulla sporcizia meglio non dilungarsi.

Le Associazioni Freccia 45, Chiliamacisegua, Amicicani, Dobermann’s Angels, si chiedono, tralasciando di appellarsi all’umanità, evidentemente parola priva di alcun significato oltre che quasi sconosciuta da queste parti, con quale senso e dignità, il Primo cittadino abbia ritenuto di adibire simile luogo fatiscente, a canile comunale.

Inoltre chiedono come l’Amministrazione Comunale, l’ASL e la gestione del canile, non conducano alcuna campagna di adozione.

Dati alla mano si conosce che nei mesi da marzo 2008 a dicembre 2008 siano stati dati in affido unicamente 14 cani (poco più di 1 cane al mese).

Appare a dir poco singolare ed al limite dell’inverosimile, il tasso di mortalità all’interno del medesimo canile: 98 cani deceduti in soli 10 mesi (con una presenta costante di circa 250-260 cani … in soli 10 mesi, poco meno di 100 sono deceduti), come risultante dai documenti protocollati presso il Comune di Manduria dallo stesso gestore del canile.

Le Associazioni esigono spiegazioni in merito ad ogni singolo decesso avvenuto nel canile di Manduria.

Le fotografie di tempi recentissimi, mostrano la situazioni disperata in cui languono i cani, nonché le vergognose condizioni della struttura: cani morenti, con ferite visibilmente non curate, con larve di mosche agli occhi, che vivono nei loro stessi escrementi e nella più totale inedia.

CHILIAMACISEGUA, www.chiliamacisegua.org

FRECCIA 45, Associazione per la protezione e difesa animale, www.freccia45.org

AMICICICANI, Associazione di aiuto, protezione e salvaguardia animale, www.amicicani.com

DOBERMANN’S ANGELS, Associazione tutela cani Dobermann abbandonati


function fbs_click() {u=location.href;t=document.title;window.open(‘http://www.facebook.com/sharer.php?u=’+encodeURIComponent(u)+’&t=’+encodeURIComponent(t),’sharer’,’toolbar=0,status=0,width=626,height=436′);return false;}
html .fb_share_link { padding:2px 0 0 20px; height:16px; background:url(http://static.ak.fbcdn.net/images/share/facebook_share_icon.gif?2:26981) no-repeat top left; }

1 comment for “MANDURIA E MORTE: PIÙ MORTI CHE VIVI – COSA ASPETTIAMO AD INTERVENIRE ????

  1. 24 luglio 2009 at 12:19

    ragazzi siete grandi, per fortuna ci siete e non avete paura di parlare e far sapere alla gente come stanno veramente le cose. Io so bene quale é la situazione in quel "canile" e anche su in comune lo sanno ma a loro conviene che sia cosí, ci lucrano sopra, a spese ovviamente dei cani, ci fanno la loro pubblicitá facendo vedere che prendono i colpevoli ma non fanno niente affinché tutto questo non si ripeta, continuano a darlo in gestione sempre ai soliti personaggi e questi sono i risultati 🙁 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *