Class action non sarà retroattiva Le proteste del Pd e delle associazioni

Stampa / Print
Fonte: http://www.repubblica.it/mobile/politica/class-action-non-sara-retroattiva–le-proteste-del-pd-e-delle-associazioni/2009-05-13/1570288

Finocchiaro: “Per questa maggioranza i diritti dei consumatori non esistono” Il Codacons: “A questo punto preferiamo che il disegno di legge venga cancellato”

ROMA – La class action entrerà nell’ordinamento italiano ma non avrà valore retroattivo. L’Aula del Senato ha approvato un emendamento di Alberto Balboni (Pdl) al disegno di legge “Sviluppo” che cancella la retroattività, prevista nel testo del ddl che era uscito dalla Commssione Industria, a partire dal luglio 2008. L’azione collettiva sarà dunque possibile solo per gli “illeciti compiuti successivamente alla data di entrata in vigore” del disegno di legge “Sviluppo” collegato alla Finanziaria.

Una decisione che va in direzione opposta a quella indicata dalle associazioni dei consumatori e dai partiti dell’opposizione, a cominciare dal Pd. Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, ha commentato polemicamente che “a questo punto i consumatori preferiscono rinunciare alla class action e invitano il Parlamento a cancellare del tutto il relativo disegno di legge”.

Anche perché, secondo il senatore dell’Idv Elio Lannutti, con la nuova class action approvata in Senato “è vietato ribellarsi per i comportamenti fraudolenti, scorretti e vessatori delle imprese, perché i cittadini potrebbero essere pesantemente sanzionati dal giudice che rilevasse l’eventuale inammissibilità della domanda”. “Governo e maggioranza – afferma Lannutti – hanno ribaltato la filosofia della class action tutta a vantaggio dei poteri forti, che hanno palesemente dettato la nuova normativa, rendendola di fatto inutilizzabile dai cittadini”.

La cancellazione della retroattività della class action, secondo il vicecapogruppo dei senatori del Pd, Luigi Zanda, “è un gravissimo errore, perché così si impedisce ad un istituto di civiltà giuridica di entrare rapidamente nel nostro Paese”.

“Sono anni che il centrosinistra prima e ora il Pd lavorano per introdurre la class action – ribadisce il presidente dei senatori del Pd Anna Finocchiaro – Si tratta di una ‘rivoluzione infinita’, che ora il Pdl annacqua ancora, una rivoluzione che a causa del centrodestra forse non si farà mai più. Per questa maggioranza i diritti dei consumatori non esistono, vengono sempre dopo gli interessi delle grandi aziende e delle multinazionali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *