Screening per cancro alla bocca: è ancora dibattito

Stampa / Print
Fonte: http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/1088

Fonte
Tarkan L. New Oral Cancer Tests: Crucial or Wasteful? NYT, 2 febbraio 2009.

Molti passi avanti sono stati fatti dalla medicina nella lotta contro i tumori, un grande impegno di risorse economiche ed umane è stato speso; nonostante ciò, le statistiche riguardanti il carcinoma orale continuano a rimanere scoraggianti e le percentuali di sopravvivenza a lungo termine sono ancora basse.

Alcuni dentisti americani hanno iniziato ad affiancare alla normale indagine visiva, nuovi sistemi di screening per l’individuazione di lesioni sospette. Questo ha fatto nascere un dibattito circa l’efficacia di questi test nel diminuire il tasso di mortalità [Proporzione fra il numero di soggetti deceduti e il numero di soggetti presenti in una popolazione definita in un determinato periodo di tempo. E’ detto grezzo quando è calcolato su tutta la popolazione.] dovuto alla malattia.
«New Oral Cancer Tests: Crucial or Wasteful?» recita un articolo pubblicato sul NY Times il 2 febbraio scorso.

CONOSCIAMO IL CARCINOMA ORALE

Il cancro del cavo orale è un problema globale con incidenza [Numero di nuovi casi di malattia diagnosticati in un anno in una popolazione.] diversa a seconda delle aree geografiche; conta circa il 3% dei tumori nell’uomo e il 2% nella donna. Nella maggior parte dei casi si sviluppa a partire dalle cellule squamose che circondano le labbra, la cavità orale e la faringe.

Nella popolazione mondiale l’incidenza e la mortalità continuano ad aumentare e si stima che circa 300.000 persone ogni anno siano affette da tale malattia. Negli Stati Uniti l’aspettativa di vita nei 5 anni successivi la diagnosi e l’inizio del trattamento, si aggira intorno al 60%. Inoltre sta aumentando il numero di nuovi casi tra la popolazione tradizionalmente considerata a basso rischio [Probabilità che l’evento accada in un intervallo di tempo prefissato.] .

I principali fattori di rischio sono l’età (l’incidenza maggiore infatti si ha dopo i 40 anni) il fumo o, più in generale, l’uso di tabacco e il consumo di alcol. Ultimamente anche il papilloma virus, che può essere trasmesso attraverso il sesso orale, inizia ad essere considerato un fattore di rischio [Aspetto del comportamento personale o dello stile di vita, fattore ambientale o caratteristica ereditaria che, sulla base di prove epidemiologiche, mostra un’associazione con la probabilità di insorgenza di una malattia. La valutazione dei fattori di rischio è considerata importante per la prevenzione di una malattia.] . Le neoplasie orali associate a questo virus, tuttavia, non sono ancora molto frequenti e insorgono soprattutto alla base delle tonsille o nel retro della lingua dove è molto difficile individuarle agli stadi iniziali anche con l’uso di strumenti per l’analisi del cavo orale.

Secondo alcuni studi il carcinoma orale insorge su aree interessate precedentemente da lesioni potenzialmente cancerose o in aree ad esse contigue.

Attualmente la malattia è spesso diagnosticata quando si trova in uno stadio già avanzato. Questo ha portato gli studiosi a ritenere che una diagnosi più tempestiva possa aiutare ad aumentare le probabilità [Misura della possibilità che un evento si verifichi. Esempio: se ci sono 100 palline in un sacchetto di cui 20 rosse e 80 blu, la probabilità di estrarre da questo una pallina rossa è 20 su 100. Per ogni estrazione la probabilità che una pallina sia rossa è del 20 per cento, cioè 0,2 (casi favorevoli su casi totali).] di sopravvivenza e a credere quindi che un programma di screening adeguato possa diminuire la mortalità.

Purtroppo questa ipotesi [Supposizione che viene sottoposta a verifica sperimentale. Affinché uno studio sperimentale verifichi correttamente un’ipotesi, questa deve essere prestabilita e articolata chiaramente, in modo che il disegno, la conduzione e l’interpretazione dello studio possano esaminarla in modo appropriato. Un’ipotesi prestabilita è denominata ipotesi a priori.] non è ancora stata dimostrata anche a causa dell’inadeguatezza della ricerca in questo senso.

LO SCREENING

Fare screening significa ricercare un tumore prima dell’insorgenza dei sintomi in modo da poterlo individuare ad uno stadio iniziale e quindi avere la possibilità di curarlo in maniera più efficace.

I proggrammi di screening per diversi tipi di cancro, come quello al seno e alla cervice, hanno dimostrato di essere effettivamente in grado di ridurre la mortalità e l’incidenza di questo tipo di malattie. Dati i numerosi tratti comuni con queste forme di cancro, è dunque lecito domandarsi se la cosa possa valere anche per il carcinoma del cavo orale.

In realtà, come si legge nel PDQ del National Cancer Institute, non esiste nessun programma né una routine consolidata per lo screening del carcinoma orale. Esistono però diversi sistemi per l’individuazione delle lesioni precancerogene.

Visto che la cavità orale è facilmente accessibile, l’indagine visiva è il metodo più comune per riconoscere e rintracciare le lesioni visibili. Alcune, tuttavia, possono sfuggire oppure risultare dubbie, in tal caso gli specialisti hanno bisogno di affiancare alla loro ispezione altri metodi.

Recentemente sono stati introdotti nuovi strumenti che si basano sull’utilizzo di coloranti o luci di diversi colori per rintracciare i tessuti anomali che potrebbero dare origine alla neoplasia.

Tra questi troviamo:

* VizLite plus
Questo sistema consiste nell’irrorare i tessuti con un colorante a base di blu di toluidina e successivamente passare uno strumento (il VizLite plus per l’appunto) che emette una luce particolare. I tessuti sani, precedentemente trattati con il colorante, assorbono tale luce e appaiono scuri mentre quelli anomali appaiono bianchi.
* VELscope (Visually Enhanced Lesion Scope)
Si tratta di una apparecchiatura portatile, sviluppata da un gruppo di ricercatori canadesi con il supporto del National Institutes of Health Usa, che emette un cono di luce blu all’interno della bocca. Tale luce stimola le molecole dei tessuti che la assorbono per poi ri-emetterla con una fluorescenza. I tessuti anomali emettono una fluorescenza modificata che appare nera o verde scuro anziché verde pallido tipico di un tessuto normale.

Esistono poi altre tecniche come la citologia esfoliativa e la biopsia con spazzola che si basano sul prelievo di un campione di tessuto che viene poi analizzato al microscopio.
Per decidere se introdurre un determinato programma di screening bisogna valutare il rapporto tra i potenziali benefici in termini di miglioramento delle aspettative di vita dei pazienti malati, gli svantaggi relativi ai test e alle indagini condotte su persone sane e le risorse necessarie per introdurre il programma a livello della popolazione generale.

RISCHI DELLO SCREENING

Può succedere che i test diano risultati apparentemente normali anche quando il cancro è effettivamente presente (falsi negativi). È possibile che una persona che riceve un risultato falso negativo [Risultato negativo di un esame diagnostico che indica l’assenza della condizione indagata in un soggetto in cui in realtà la condizione è presente (indica l’assenza della malattia quando in realtà il soggetto è malato). Esami diagnostici poco sensibili (vedi Sensibilità) danno alte percentuali di falsi negativi.] ritardi indagini approfondite e l’inizio di cure mediche anche se mostra i sintomi caratteristici della malattia. La citologia esfoliativa ha un alto numero di falsi negativi.
Al contrario, i risultati dei test possono apparire anomali anche se il paziente non è affetto da cancro. In questo caso si parla di falsi positivi. Un risultato falso positivo [Risultato positivo di un esame diagnostico che indica la presenza della condizione indagata in un soggetto in cui in realtà la condizione è assente (indica che il soggetto è malato quando in realtà non lo è). Esami diagnostici poco specifici (vedi Specificità) danno alte percentuali di falsi positivi.] può causare ansietà ed è in genere seguito da altri test e procedure, come la biopsia, anch’esse rischiose. Gli esami orali hanno mostrato di avere un alto numero di falsi positivi.Ancora è possibile scoprire anomalie che sono classificate coem cancro ma che sarebbeo rimaste silenti nel tempo.

E I BENEFICI?

Una review della Cochrane Collaboration, condotta per valutare l’efficacia dei programmi di screening nel ridurre il tasso di mortalità e nell’individuare precocemente la malattia, ha mostrato che non esistono prove a sufficienza per raccomandare (o sconsigliare) l’introduzione di un programma di screening per la popolazione generale sia esso basato solo sull’esame visivo del cavo orale o si avvalga dell’aggiunta di altre tecniche di screening.

E’ quindi necessaria ulteriore ricerca prima di introdurre un programma di screening generale per il cancro orale al pari di altri programmi come quelli per il cancro alla cervice o al seno.

Tuttavia, come alternativa a un programma su base nazionale, si è visto che l’applicazione con regolarità di screening “opportunistici”, effettuati cioè da medici altamente qualificati su un gruppo di persone ad alto rischio, potrebbe portare ad effettivi miglioramenti nella diagnosi precoce della malattia e quindi a migliori risultati delle terapie.

In ogni caso un esame visivo, sistematico e accurato, della cavità orale dovrebbe rimanere parte integrante della routine di lavoro di dentisti o medici di base. Spesso, invece, questi professionisti non hanno ricevuto una preparazione adeguata per condurre tale esame e preferiscono avvalersi di strumenti di appoggio. Bisogna dunque puntare sulla formazione e includere nella preparazione di base di un medico o un dentista un’adeguata educazione sul carcinoma orale.

Simona Stringa

Bibliografia

[1] Kujan O, Glenny AM, Oliver R, Thakker N, Sloan P. Screening programmes for the early detection and prevention of oral cancer. Cochrane Database of Systematic Reviews 2006, Issue 3. Art. No.: CD004150. DOI: 10.1002/14651858.CD004150.pub2.
[2] Oral cancer screening PDQ: health professional version http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/screening/oral/healthprofessional/allpages e patient version http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/screening/oral/Patient
[3] LAURIE TARKAN “New Oral Cancer Tests: Crucial or Wasteful?” NY Times http://www.nytimes.com/2009/02/03/health/03cancer.html
[4] Cancer world luglio agosto 2006 “New hand-held device to detect oral cancers” http://www.cancerworld.org/CancerWorld/getStaticModFile.aspx?id=1211

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *