Feng Shui contro lo stress

Stampa / Print
Fonte: http://www.ecplanet.com/blog/archive/2009/05/03/feng-shui-contro-lo-stress.html

La settimana lavorativa più che stancarci ci stressastressa, il lunedì non vediamo già l’ora di arrivare al fine settimana per rilassarci un po’. La settimana è lunga, purtroppo, e se già il primo giorno lavorativo pensi al fine settimana, non affronterai la settimana con serenità e buon umore. Vediamo come alleviare lo stress direttamente sul posto di lavoro. Quello che di cui sto per parlarvi ha a che fare con l’ordine dello spazio in cui lavorate, sia che abbiate un ufficio, sia che lavoriate nel vostro studio o in casa.
Una buona organizzazione dello spazio può rendere più gradevole la giornata lavorativa, non a caso in molti uffici vengono chiamati architetti che studino una situazione e un organizzazione dello spazio che renda migliore la sua vivibilità . Di questo si occupa la Bioarchitettura che studia e progetta costruzioni ecologiche o basate sul Feng Shui, la disciplina cinese che si basa sull’equilibrio dinamico di yin e yang.
Nascono così gli uffici “sensibili”, che possono soddisfare tutti i cinque sensi. Partiamo dall’ ‘ambiente che deve essere colorato secondo i principi della cromoterapia e lo spazio ottimizzato. Bisogna utilizzare i colori pastello perché favoriscono il confort, mentre le tonalità sul rosso hanno influenze eccitanti e quelle sul nero hanno influenze cattive sull’umore che a tema diventerebbe “scuro”.
Ecco, per farla semplice, qualche accorgimento che ciascuno di noi può mettere in pratica. Partiamo da una regola essenziale del Feng Shui: la scrivania che deve essere posta davanti alla porta di ingresso, se si trova alle spalle va messo un piccolo specchio. Seconda regola: liberatevi del superfluo. Lo “space clearing” è una disciplina che insegna a liberarsi delle cose inutili e a vivere in ambienti puliti e ordinati, perché secondo questa teoria, energia e positività fluiscono meglio.
Un altro espediente che potrete utilizzare per rendere l’ambiente più “pulito” consiste nel porre del sale in una ciotolina: purifica l’ufficio dalle energie negative. Quando lo troverete annerito sostituitela con quella pulita fino a quando non rimarrà a lungo bianco. Se il collega di lavoro ve lo permetterà , potrete accendere incensi, che favoriscono la pulizia simbolica dello spazio.
In ultimo, disponete piante negli ambienti di lavoro. Secondo una ricerca effettuata dalla Nasa, alcune piante assorbono oltre all’anidride carbonica anche formaldeide e altre sostanze volatili che sembrano essere responsabili dei malesseri diffusi legati alla vita in ambienti chiusi.
Fonte: fitnessblog.girlpower.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *