Stampa / Print

di Cristiano Bottone

Si sta muovendo davvero qualcosa in Italia sul fronte del movimento della transizione. Il cambiamento parte dalla comunità di Monteveglio – comune situato sulle colline bolognesi – che è divenuto la prima città in transizione italiana.A Monteveglio si è già creato un Gruppo Guida, si stanno facendo iniziative, organizzando serate informative, costruendo reti di rapporti e si sta dando inizio ad attività pratiche.Ce lo testimonia la mail di Cristiano Bottone che ci informa sulla prossima preparazione di un orto sinergico in città.
“Ciao a tutti,questo sabato si passa all’azione quindi chi ha voglia di divertirsi si faccia vivo. Si va tutti a casa di Alessandra a preparare un orto sinergico (sempre che non piova a dirotto).È un occasione per imparare e per passare una giornata all’aperto in modo allegro. Lo spirito è quello del “tutti per uno, uno per tutti”, oggi aiuto te domani aiuti me.È chiaro che questo invito è rivolto principalmente ai Montevegliesi, ma mando il messaggio a tutti perché può aiutare a capire cosa succede nella nostra comunità.Per la cronaca, sono già in via di allestimento almeno 4 orti sinergici e altri nasceranno sempre con questa modalità di aiuto reciproco che rende il lavoro di impianto molto più leggero.Sta nascendo anche a un progetto più articolato con un orto pilota accessibile ai disabili e che possa fungere da laboratorio aperto e da strumento didattico per le scuole. Come tutte le attività di Transizione è un progetto aperto, quindi se avete delle idee o se volete partecipare contattateci.A breve su Google Maps potrete vedere la mappa degli orti e delle altre “cose di Transizione” che stanno succedendo a Monteveglio.Vi aspettiamo sabato.”
Per maggiori info: http://montevegliotransizione.wordpress.com/

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.