GEAB 34 parte I – La Grande Fuga della Cina dal Dollaro

Stampa / Print
Fonte: http://informazionescorretta.blogspot.com/2009/04/geab-34-parte-i-la-grande-fuga-della.html

Ed eccoci di nuovo agli affezionati lettori con l’appuntamento mensile con il GEAB Report di Europe2020. Se non sapete di chi stiamo parlando, potete approfondire a questo post dedicato a quanto durerà la crisi economica.

Il GEAB 34 si articola in tre parti: una prima parte dedicata alla grande fuga della Cina dalla trappola del dollaro, una seconda parte dedicata al default del debito americano, una terza sul prezzo dell’oro e suggerimenti finanziari.

In questo post traduciamo ampi stralci della prima parte: la fuga della Cina dal dollaro.

La parola agli esperti di Europe2020.

Estate 2009: il crollo del sistema monetario internazionale è in arrivo

La prossima fase della crisi sarà il risultato di un sogno cinese.

In effetti, cosa mai potrebbe sognare la Cina, catturata – a sentire Washington – nella trappola del dollaro dei suoi 1400 miliardi di titoli di debito denominati in dollari?

Se ascoltiamo i leader americani e le loro schiere di esperti dei media, la Cina sogna solo di restare prigioniera, ed anche di intensificare la durezza della sua condizione di prigionia acquistando sempre più T-Bond (titoli del debito americano) e dollari.

In realtà, tutti sanno cosa sognano i prigionieri, no?
Sognano di fuggire, naturalmente: di uscire dalla prigione.

LEAP/Europe2020 quindi non dubita (e non dubitiamo neanche noi, NDFC) che Pechino sta ora costantemente cercando di trovare i modi di liberarsi, prima possibile, della montagna di asset “tossici” che sono ora diventati i T-Bond e i dollari. […]

In qualsiasi racconto di una fuga, i prigionieri non passano il loro tempo annunciando che si stanno preparando ad andarsene. In realtà, al contrario, tendono ad evitare di sollecitare la vigilanza delle loro guardie.

Secondo il team LEAP/Europe2020, la dichiarazione cinese del 24 Marzo, che chiedeva la sostituzione del dollaro con una valuta di riserva internazione, era sia un “saggiare il terreno” sia un avvertimento: un sondaggio per valutare le forze in campo (in particolare all’interno del G20) quando si tratta di spostarsi nell’era post-dollaro, ed un avvertimento costruttivo o distruttivo (in funzione della reazione all’idea precedente) inviato ai vari protagonisti globali.

Un giocatore responsabile (e Pechino è uno di questi) deve inviare segnali silenziosi agli altri giocatori che potrebbero seguirli o aiutarli a pianificare il lavoro (per la definizione di Gioco e Giocatore si veda questo nostro post sul GEAB precedente, NDFC) .

La preparazione e l’implementazione di una Grande Fuga richiede la collaborazione di molti partner, e nessuno di quelli che sarebbero stati disponibili a collaborare deve finire nei guai perchè non è stato informato.

In ogni caso, grazie alla saggiatura del terreno da parte della Banca Centrale Cinese, le autorità cinesi hanno la conferma dei seguenti punti:

1. Una buona fetta degli altri membri del G20 è chiaramente favorevole ad un passaggio rapido all’era post-dollaro, in particolare Russia, India, Sudafrica, Argentina, Brasile… dunque Pechino non sara sola quando avverrà il grande salto.
[…]
I recenti accordi swap chiusi con alcune di queste nazioni sta già mostrando la via in questa direzione. (si veda l’interessante articolo “L’Argentina tradisce il dollaro” sugli accordi cinesi con Argentina ed altri paesi, NDFC)

2. USA e UK hanno rifiutato di considerare qualsiasi mossa nella direzione dell’era post-dollaro […]

3. L’Europa (eccetto UK) non è in grado di prendere nessuna decisione veramente ferma riguardo al suo vecchio protettore, gli USA.

4. Pechino si sta dedicando ad annunci sempre più chiari e netti, sempre in modo graduale, a volte anche seguiti da vaghe smentite, provenienti da fonti meno importanti, ma che circolano ampiamente e rapidamente grazie ai media finanziari. Sta dunque aumentando la sua libertà di espressione senza danneggiare particolarmente il valore dei T-bonds (i titoli del debito americano) o del dollaro.

Quest’ultimo aspetto è effettivamente la necessità assoluta del governo cinese: evitare in qualunque modo un crollo del valore dei T-Bond e del dollaro prima che sia fuggita dalla trappola del dollaro.

LEAP/Europe2020 ritiene che, nei prossimi mesi, la Cine rivelerà l’esatto significato di queste esigenze; un fine o una necessità?

Se si tratta di un fine, allora Washington, Londra e i media internazionali della finanza hanno ragione: Pechino seguirà i passi di Washington, cercando di aumentare la sua influenza nelle decisioni americani.

Se è una necessità, allora il nostro team ha ragione e i leader cinesi si daranno da fare per vendere i loro T-bond ed i loro dollari al miglior valore possibile, scegliendo il miglior prezzo possibile, evitando di generare scompensi volti a ridurre il valore di questi beni più a lungo possibile.

Tuttavia, in contrasto con la prima opzione, una volta che tutte le possibilità sono finite, i leader cinesi improvvisamente contribuiranno al termine dell’era dollaro, o, più probabilmente, annunceranno seraficamente che, a causa di un insieme di cause di forza maggiore, non potranno più continuare a giocare il ruolo degli stabilizzatori degli squilibri americani.

[…]

Dalla fine del 2008, il governo cinese ha iniziato a disfarsi di 50-100 miliardi di beni denominati in dollari ogni mese. Approfittando dei prezzi bassi (da record) in un ampio insieme di beni utili all’economia cinese (minerali, energia, azioni europee o asietiche – non americane, questo non è un dettaglio irrilevante), Pechino ha fatto shopping coerentemente con il suo primo bisogno: fare il meglio possibile con i suoi beni denominati in dollari, cioè scambiarli con beni non americani.

(NDFC: si vedano questi articoli a riguardo: crediti in Asia, via libera per 400 imprese cinesi a concludere affari in Asia in Yuan, petrolio e oleodotto russo in Cina in cambio di dollari, e molti altri)

[…]

entro la fine dell’estate del 2009, la Cina si sarà liberata di circa 600 miliardi di beni denominati in dollari, ed avra’ evitato di acquistare tra 500 e 1000 miliardi di titoli del debito americano che l’amministrazione Obama avrà emesso per finanziare i suoi stravaganti prestiti.

Il disfarsi dei beni in dollari e i mancati acquisti di T-bond da parte cinese rappresenteranno una mancanza tra 1100 miliardi e 1600 miliardi di dollari di (servire ai) bisogni finanziari americani.

Ben Bernanke sarà costretto a stampare dollari in un (vano) tentativo di prevenire il default della sua nazione. Sapendo che ogni volta che Bernanke dichiara che la Fed acquisterà i suoi stessi Buoni del Tesoro, questi perdono il 10% in un giorno, i leader cinesi troveranno sicuramente accettabile il sacrificio di 400-500 mliardi di dollari.

LEAP/Europe2020 ritiene che, a quel punto, riterranno che hanno fatto il miglior uso possibile dei beni denominati in dollari.

Quindi, preferiranno essere tra coloro che premono il bottone – o tra quelli che non cercheranno di evitarlo.

La seconda fase della Grande Fuga della Cina dal dollaro inizierà,in funzione del comportamento degli altri protagonisti principali.

O lo Yuan prenderà il suo posto come valuta di riserva internazionale insieme all’Euro, allo Yen, al Rublo al Real, oppure inizierà un processo di creazione di una nuova valuta di riserva internazionale basata su un paniere di monete.

Il dollaro sarà fuori dai giochi e il G20 sare’ ridotto ad un G18 (senza USA e UK, ma con un Giappone non più in grado di sfuggire alla sfera di influenza cinese)

Diversamente, inizierà il processo di dislocazione geopolitica globale, descritta nel GEAB n. 32 (e nella nostra traduzione, NDFC), basato su blocchi economici, ognuno di loro a scambiare beni nella sua specifica moneta di riserva.

Si conclude qui la prima parte del report.

Qui la seconda parte, con un interessante focus sul default degli USA.

(in caso di ripubblicazione si prega di mantenere attivi i link alle fonti e linkare questo articolo orginale)

Saluti felici

Felice Capretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *