Vizi privati e pubbliche virtù: l’Occidente finanzia e controlla il nucleare iraniano

Stampa / Print
Fonte: http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=9014

nuclearedi Simone Santini – da Clarissa.it

Stati Uniti e Francia sono i due paesi maggiormente schierati sulla scena internazionale nel contrastare il programma nucleare della Repubblica dell’Iran, al punto che numerosi analisti hanno in questi anni ventilato il pericolo (non ancora scongiurato) che la crisi diplomatica possa sfociare in una guerra aperta. Ma alcune rivelazioni forniscono un quadro differente rispetto le pubbliche apparenze e gettano una luce inquietante sui rapporti tra Iran ed Occidente in merito alla questione nucleare.
VIDEO ALL’INTERNO

Il sito web francese HSN-Info (Hacktivist News Service) ha ricostruito un legame tra il programma nucleare iraniano e l’industria atomica francese che dura da trenta anni senza mai interrompersi (1). Secondo queste notizie, l’industria Eurodif (oggi ribattezzata George Besse) è dal 1979, anno in cui inaugurò la centrale atomica di Tricastin, la fornitrice dell’uranio arricchito utilizzato in seguito in tutte le centrali transalpine ma destinato anche all’esportazione. La sorpresa è che lo stato iraniano ha una sostanziosa partecipazione azionaria in Eurodif, pari al 10%. L’alleanza commerciale, nata con lo Scià Reza Palevi, non si è tuttavia interrotta con l’avvento del regime degli Ayatollah.
Alcune inchieste giornalistiche degli scorsi anni (come il documentario “La République atomique” trasmesso dalla emittente ARTE) hanno sostenuto che negli anni ’80 (era in corso la guerra Iraq/Iran) i francesi abbiano tentato di sciogliere questo pericoloso lAhmadinejad Mahmoudegame, senza tuttavia riuscirvi. Addirittura si pensa che una serie di attentati terroristici di natura islamica che colpirono la Francia in quel periodo, furono promossi proprio da Teheran per “convincere” Parigi a non abbandonare l’alleanza.
La pace definitiva fu stipulata nel 1988 allorché, secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa AFP all’epoca, “Parigi ha proposto delle « garanzie politiche » al governo iraniano per la « concessione senza restrizioni », da parte del governo francese, di licenze di esportazione di uranio arricchito della Eurodif verso l’ Iran”.
Sono venti anni, dunque, che la Francia fornisce in maniera ufficiale all’Iran, attraverso Eurodif, l’uranio arricchito indispensabile per il suo programma nucleare. Non si conosce la misura di tali quantitativi, ma pare indubbio che dato lo spazio temporale, tale collaborazione e finanziamento possa essere definito come essenziale.
Questo caso non è unico. Una manovra, stavolta occulta e non ufficiale come quella francese, è stata portata anche dai servizi di sicurezza degli Stati Uniti. La scorsa estate una inchiesta del New York Times rivelò un intreccio spionistico che aveva al suo cuore proprio il programma nucleare iraniano.
Secondo il servizio giornalistico, l’ingegnere elvetico Friedrich Tinner, esperto di tecnologie nucleari, con i figli Marc ed Urs, sarebbe stato un agente sotto copertura della CIA ed avrebbe a lungo collaborato con lo scienziato pakistano Abdul Kahn, considerato il padre della bomba atomica del suo paese che avrebbe poi fornito informazioni segrete e tecnologie nucleari ad alcuni “stati canaglia”, in particolare Libia ed Iran.
In questo modo l’agente Tinner sarebbe riuscito a sabotare i piani nucleari dell’Iran fornendo progettazioni e strumentazioni difettose che procurarono un grave incidente alla centrale di Natanz, così come riscontrato dagli ispettori della AIEA (Agenzia atomica internazionale) nel 2003-2004. Così, mentre gli esponenti dell’Amministrazione americana denunciavano la pericolosità del programma nucleare iraniano, “la Cia era perfettamente consapevole del fatto che la minaccia nucleare di simili impianti era in verità pari a zero, dato che ne controllava la fornitura degli elementi più delicati. Ma quel che appare assai più inquietante è il fatto che le modalità di questa collaborazione si prestano ad una ben più grave interpretazione, cioè a dire che la famiglia Tinner sia servita proprio alla “creazione” della minaccia nucleare dei Paesi ritenuti terroristi, in realtà del tutto inconsistente” (2).
Prima che la disputa diplomatica tra Occidente ed Iran sul nucleare possa giungere ad un punto drammatico di non ritorno, sarebbe necessario che le opinioni pubbliche dei nostri paesi chiedano conto ai rispettivi governi di tali rivelazioni per dimostrare, ove ce ne fosse ancora bisogno, che una eventuale guerra non sarebbe stata provocata dal pericoloso programma degli Ayatollah ma voluta con argomentazioni pretestuose, o false, che celano reali motivazioni di ordine politico, economico e geostrategico.

(1) “La France a aidé l’Iran dans sono programme nucléaire en lui livrant de l’uranium enrichi” (La Francia ha aiutato l’Iran nel suo programma nucleare fornendogli uranio arricchito), HSN-Info, 5 aprile 2009.
http://hns-info.net/spip.php?article18120

(2) Della vicenda si è già occupata diffusamente Clarissa.it, per approfondimenti rimandiamo i lettori al nostro precedente articolo “La Cia ha lavorato per creare il pericolo atomico terrorista”.
http://www.clarissa.it/editoriale_int.php?id=228&tema=Divulgazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *