L’euforia di Borsa è Isolata

Stampa / Print
Fonte: http://mercatoliberonews.blogspot.com/2009/04/leuforia-di-borsa-e-isolata.html

Perchè il rimbalzo di borsa sia vero bisogna che ci siano sintomi che le banche centrali riescono ad inflazionare, a pompare la domanda globale che è caduta al punto che si vedono dei -20% o anche -40% di export e dei -15% di produzione industriale

Il rialzo di borsa è centrato, oltre che sulle banche, su Cina ed Asia+Brasile, miniere, materiali, auto, pneumatici, camion, fertilizzanti ed agricoltura, costruzioni (yes) e poi tecnologia (Research in Motion (grafico,scheda), Apple Computer Inc (grafico,scheda), semiconduttori, Microsoft Corp (grafico,scheda) e software). Per cui penseresti che il mercato veda sintomi di REFLAZIONE, di domanda

Ora come ho scritto tre settimane fa più volte c’è sempre un momento in cui i magazzini e le scorte si sono ridotti a sufficienza, ad esempio Nokia Oyj (NOKI-SWX: scheda) oggi ha detto che è finalmente riuscita ridurre il livello enorme di scorte che aveva sul collo e in parte anche Intel Corp (grafico,scheda). E’ un effetto positivo per le aziende e da solo vale un rimbalzo, però questo è un effetto delle politiche extra-caute dei managers, poi non vuole dire che la domanda aumenti,

Invece questa settimana tutti i dati senza eccezione dalla Cina agli USA erano “deflazionistici”, cioè prezzi all’ingrosso e al consumo negativi, cali di importazioni, vendite al dettaglio deboli, dollaro e yen che tengono, oro ed argento che cedono, energia fiacca, bonds che salgono un poco e “Tips” (bonds indicizzati) che cedono

Inoltre politicamente c’è ora pressione contro la politica di inflazionare il credito e man mano che la borsa sale, specialmente se sale in modo euforico, cala la giustificazione per pompare credito a tutti i costi stampando moneta (non Cina che sta facendo il massimo e anche Inghilterra ma in Europa e negli ultimi giorni in America)

Questo non è un rialzo ad esempio spinto da alimentari, farmaceutici, telecom, utilities, difesa e altri settori poco congiunturali , ma a parte le banche, dai settori più congiunturali (guarda Coca Cola e McDonald che cedono ad esempio questa settimana). E però i dati delle due ultime due settimane, che si riflettono nei corporate bonds, dollaro, petrolio ed oro (tutti molto tiepidi anzi freddi) non confermano una ripresa della congiuntura anzi indicano DEFLAZIONE

http://www.cobraf.com/forum/topic.php?topic_id=4267&reply_id=156296

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *