Bomba ad Orologeria di Irlanda e Spagna

Stampa / Print
Fonte: http://mercatoliberonews.blogspot.com/2009/04/bomba-ad-orolegeria-di-irlanda-e-spagna.html

Spiegel riporta che la Spagna sta implodendo, la disoccupazione è raddoppiata in un anno ed è al 16%, la spagna però è un paese in cui se licenzi qualcuno paghi 45 giorni di stipendio per ogni anno di impiego per cui se ha lavorato 15 anni paghi 2 anni di stipendio come liquidazione ad esempio, quindi è probabile che molte aziende aspettino ancora a licenziare. La sensazione è che hanno 3-4 mesi e poi le aziende medio-piccole cominciano a saltare, finora il crac era solo nelle costruzioni ma se le cose non migliorano in fretta iniziano i fallimenti a catena.

Già adesso l’indice dei prezzi al consumo è passato negativo -0.6% per cui in Spagna i tassi di interesse reali sono più alti di quelli della BCE (in Francia per dire l’inflazione è 1.4% quindi c’è un differenziale del 2% in termini REALI DI TASSI DI INTERESSE !)

Ovviamente la soluzione per la Spagna sarebbe di svalutare la peseta, tagliare i tassi di interesse a zero e stampare moneta come fanno gli inglesi, gli americani, i giapponesi e gli svizzeri ora. Prova a pensare: giapponesi e svizzeri ultra-efficienti e competitivi possono svalutare, ridurre i tassi di interesse a zero e stampare moneta, ma gli spagnoli che hanno vissuto di edilizia e turismo e non esportano quasi niente no, perchè sono agganciati alla Germania e ai suoi alleati, Olanda ed Austria e Francia

Ambrose Evans Pritchard riporta dell’Irlanda con un deficit pubblico che esplode al 18% del PIL per cui ha appena approvato una finanziaria “lacrime e sangue” che taglia sussidi e benefici sociali del welfare state per riuscire a stare dentro l’euro e la UE aggravando così la recessione. In Irlanda il ministro delle Finance prevece che l’inflazione sia -4% (!!) per cui i tassi di interesse REALI saranno il 6%. Invece di avere tassi di interesse reali zero o quasi come America o Giappone l’Irlanda si avvia ad una forma estrema di DEFLAZIONE con tassi di interesse reali del 6%. (in Spagna non so quali siano le previsioni, ma se l’inflazone è già -0.6% entro un anno può andare a -2% minimo per cui i tassi di interesse reali spagnoli possono andare al 4%)

Spagna ed Irlanda sono incastrate dentro l’euro e la UE che le soffocano, la potente America stampa moneta e così il Giappone ultra competitivo e persino la Svizzera che ha un surplus estero del 9% del PIL e loro invece devono sottostare alla Bundebank/BCE e all’euro, per cui sono fritte e la questione è solo quanto tempo occorre prima che ci sia una rivolta.

I loro politici sono ultra-europeisti e non ammetteranno mai l’errore di essere dentro la UE. Intanto la Germania fa finta di niente con la Francia sua alleata, Merkel e Sarkozy si preoccupano più che altro degli hedge funds nei paradisi fiscali per distrarre l’attenzione dalla bomba ad orolegeria di Irlanda e Spagna
http://www.cobraf.com/forum/topic.php?topic_id=5067&reply_id=155412

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *