L’Italia è la nazione meno sicura per andare in bicicletta, l’Olanda la migliore

Stampa / Print

L’Olanda è la nazione più sicura per andare in bicicletta, seguita dalla Danimarca, secondo lo schema che mette in relazione i km percorsi per persona al giorno, e le morti in bicicletta. In Olanda le politiche della prevenzione non sono al primo posto, nè tutti indossano gli elmetti protettivi, ma sia nei ciclisti che negli autisti, c’è un alto livello di attenzione, che previene l’occorrere di incidenti.
Secondo le parole del segretario di stato del ministero dei Trasporti, Tineka Huizinga: “Andare in bicicletta fa girare le ruote del sistema del traffico delle città. Andare in bicicletta significa arrivare al lavoro, a scuola o in palestra in uno stato mentale più vigile e attivo, sentendosi creativi e positivi”. La bicicletta quindi, fa bene anche all’umore degli Olandesi, che evitano di rimanere nel traffico.
D’altra parte, i conducenti delle auto, consapevoli del fatto che i ciclisti non sono pericolosi quanto chi guida una macchina e della responsabilità loro attribuita in caso di incidente con una bici, fanno più attenzione e moderano la velocità in strade condivise con i ciclisti.
Nonostante le iniziative come quella di Genova, che ha da pochi giorni inaugurato il servizio di bikesharing, l’Italia resta all’ultimo posto per uso della bicicletta e sicurezza per i ciclisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *