Obama come Bush, come Clinton, Come Bush senior

Stampa / Print
Fonte: http://www.mentereale.com/20090403972/News/Articoli/obama-come-bush-come-clinton-come-bush-senior.html

di Pietro Ancona

La guerra infinita contro il mondo prosegue con Obama.

L’annunzio di Obama di proseguire nell’impegno militare di Bush concentrando gli sforzi in Afghanistan e nel vicino Pakistan, ritirando parte delle truppe dall’Irak dove lascia importanti basi militari ed una ambasciata grande quanto Città del Vaticano, dovrebbe fare riflettere molti tra i liberal e la sinistra europea che si erano entusiasmati per il carisma del giovane presidente. Il programma di ritiro parziale dall’Iraq e di aumento degli sforzi militari in Afghanistan era stato reso pubblico da Bush almeno un anno prima della fine del suo mandato. Quindi nessuna novità tranne gli aggiustamenti per di più di secondaria importanza e di carattere propagandistico. In tutto il pianeta la pressione militare e colonialistica degli USA prosegue senza soste. Contro la Cina sono stati scagliati i monaci del Dalai Lama e l’emigrazione tibetana all’estero di sentimenti simili a quella cubana in Florida. La Cina viene molestata con una campagna di diritti civili conculcati promossa da un Dalai Lama che è immemore della durezza del regime dei monaci sulla popolazione tibetana ridotta in schiavitù servi della gleba analfabeti e preda della fame e di ogni malattia.

La motivazione per il rinnovato attacco e l’uso di altri cinquanta mila soldati contro l’Afghanistan è la lotta contro AlQaeda che “minaccia gli Stati Uniti”. Se Obama parla della stessa AlQaeda dell’11 settembre ci dovrebbe spiegare come oltre la metà dei suoi concittadini pur storditi da campagne nazionalistiche e patriottiche non crede alla ipotesi dell’attacco terroristico e considerano menzognera la versione data dal Governo e dal Pentagono. E’ difficile non sospettare della coincidenza. Ogni volta che gli Usa debbono aggredire, bombardare, distruggere qualche zona del pianeta, qualche giorno prima immancabilmente la figura ieratica di Osama Bin Laden o del suo alter ego appaiono sugli schermi televisivi per minacciare.

Il terrorismo esiste davvero al mondo ed agisce in zone di interesse nevralgico per gli Usa. E’ di questi giorni la notizia della presenza di Israele nel Sudan in funzione di sostegno degli scissionisti che vorrebbero spaccarlo in due. L’opinione pubblica mondiale è stata informata per caso della presenza di eserciti privati israeliani in Colombia a sostegno del feroce regime filoamericano che lo governo e contro la resistenza armata dei contadini espropriati dalle multinazionali delle loro terre e rinchiusi a migliaia nelle fetide prigionidel paese.

E’ terroristica la presenza degli Usa in Iraq ed in Afghanistan dove hanno introdotto “la democrazia” facendo eleggere due loro agenti a Capi del Governo, sospettati di numerosi crimini. Il Presidente Karzai è stato addirittura esortato ripetutamente da Bush di abbandonare il traffico dell’eroina con il quale si sarebbe arricchito a dismisura. Questi tiranni “eletti democraticamente” cadrebbero un istante dopo l’ allontanamento delle truppe di occupazione. La storia li considererà traditori della loro gente e della loro patria dal momento che governano mentre incessanti bombardamenti riducono in macerie le città e provocano montagne di cadaveri tra i civili.

E’ estremistico affermare che Obama è come Bush? Si tratta di un giudizio sbagliato o ingeneroso? Non credo proprio. Un milione e mezzo di palestinesi, traditi dal Karzai in pectore locale, sono rinchiusi in una prigione e privati financo del diritto di mangiare, bere, curarsi, muoversi. Ha forse mosso un dito Obama per la loro liberazione? Si è limitato a fare una telefonata ad Abu Mazen ciòè a colui che è rimasto immobile mentre si distruggeva Gaza e si sparava contro la sua popolazione civile.

Dal mio punto di vista è corretto giudicare Obama per ciò che fa nel mondo e non per ciò che fa per i suoi concittadini americani. Darà ai bambini Usa l’assistenza sanitaria? Resterà un fiore all’occhiello in un sistema disumano nel quale chi non ha soldi può crepare come si abitasse la più remota ed arretrata regione del pianeta. I lavoratori americani continueranno ad essere afflitti da sindacati impastoiati da leggi restrittive e che comunque non controllano.

Restituirà in tutto o in parte quanto i finanzieri e le banche americane hanno truffato al mondo intero? Ne dubito molto!

http://medioevosociale-pietro.blogspot.com

www.spazioamico.it

http://www.uruknet.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *