Stampa / Print
Fonte: http://www.mentereale.com/20090227710/News/Articoli/il-nuovo-qmessiaq-e-la-crisi-barack-obama-aumenta-le-spese-militari-cvd.html

di redazionale

Un capitolo determinante nella legge di bilancio illustrata ieri dal presidente statunitense Barack Obama, è dedicato alle guerre. Dove il presidente americano ribadisce quanto annunciato già in altre occasioni sull’Iraq: le truppe americane resteranno in Iraq con 35/50mila soldati come “consiglieri” delle forze irachene e per proteggere gli interessi statunitensi. Obama ha previsto per le guerre in Iraq e in Afghanistan, dove intende rafforzare la presenza militare americana, spese pari a 130 miliardi di dollari nel 2010.

Quest’anno le spese militari per le due guerre prevedono stanziamenti eccezionali per 75,5 miliardi, con richieste complessive del Pentagono pari a 141 miliardi. Complessivamente, le spese militari previste per l’esercizio 2010, che scatta il primo ottobre, sono pari a quasi 664 miliardi di dollari, in aumento dell’1,5%. L’ultimo bilancio della difesa firmato da Bush a settembre era stato di 612 miliardi di dollari, in termini reali il più alto dalla fine della Seconda guerra mondiale e in pratica il 40% della spesa militare in tutto il mondo.

www.ariannaeditrice.it

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.