Magistratura e “questione morale”

Stampa / Print
Fonte: http://toghe.blogspot.com/2009/03/magistratura-e-questione-morale.html

Pubblichiamo un documento approvato dall’Assemblea della Sezione Distrettuale di Napoli dell’Associazione Nazionale Magistrati sulla “questione morale”. Un grazie di cuore ai colleghi di Napoli per le loro preziose parole.

ASSOCIAZIONE NAZIONALE MAGISTRATI
Sezione Distrettuale di Napoli
___________

Il 22.5.2008 l’Assemblea della Sezione dell’ANM del distretto di Corte di Appello di Napoli, con un documento votato all’unanimità, rivolgeva un forte richiamo all’A.N.M. nazionale affinché ponesse al centro della sua attenzione e azione la questione morale in magistratura, e cioè i rapporti opachi tra magistratura e centri di potere politico-affaristici e la invitava ad attivare per questi comportamenti una vigilanza al proprio interno, con applicazione dei principi del codice deontologico ed eventuali sanzioni interne.

Tale accorato appello sembra essere caduto nel vuoto.

La magistratura italiana è stata scossa tante volte e continua ad essere interessata da fatti inquietanti e gravi.

Negli ultimi anni si sono succeduti, con sempre maggiore frequenza, episodi di corruzione di magistrati ad opera di ambienti economico-affaristici, ma anche, purtroppo, gravissimi fatti di collusione tra ambienti giudiziari ed organizzazioni criminali e mafiose.

In particolare, in tante situazioni, sono stati proprio i vertici di alcuni uffici giudiziari, giudicanti e requirenti, ad essere stati particolarmente “sensibili” alle richieste ed alle aspettative di questi ambienti esterni.

In alcune realtà degli uffici giudiziari meridionali è netta la sensazione di una particolare contiguità e compromissione con settori della politica e degli affari, insomma con centri di potere oscuro e tante volte illegale, al punto che le indagini giudiziarie (da quelle che hanno riguardano i distretti siciliani di Catania e Messina, per passare a Reggio Calabria, Crotone o Catanzaro in Calabria, poi a Potenza e Matera in Basilicata e sino alle ultimissime vicende di Napoli) testimoniano che questi centri di potere tante volte sono in grado, addirittura, di interferire con alcune scelte giudiziarie, attivandosi e riuscendo ad acquisire notizie segrete o riservate, impedendo gli sviluppi di indagini ritenute pericolose ed ottenendo, infine, in alcuni casi, anche sentenze o provvedimenti compiacenti.

I fatti sono noti da tempo, anche se pochi, in verità, sembrano prestarvi attenzione.

Riguardano certo le zone più disparate del paese, ma non può non prendersi atto che le situazioni più gravi sono quelle che si verificano all’ interno della magistratura meridionale.

Non è più possibile, quindi, parlare di semplici casi isolati di malcostume.

E’ urgente avviare una riflessione su quella che, secondo il nostro punto di vista, costituisce ormai una vera e propria “questione morale” aperta nella magistratura italiana, forse essa stessa da interpretarsi come un aspetto della più complessiva “questione morale” che interessa le classi dirigenti del nostro paese.

Eppure, nonostante la gravità e la diffusione del fenomeno, l’atteggiamento dell’A.N.M. continua ad essere di segno opposto, nel senso della costante sottovalutazione dei fatti.

L’A.N.M. nazionale, da molti anni ormai, non pronunzia le parole “questione morale” e non affronta, in termini di chiara iniziativa politica di denuncia, nessuna delle gravi vicende che si sono verificate e che sono state lasciate tante volte incancrenire per anni.

Da ultimo, anzi, l’atteggiamento che prevale sembra essere addirittura quello di indifferenza alle tante denunce che pure provengono da cittadini o gruppi, che, in diverse realtà, segnalano la esistenza di questi fenomeni, che assume quasi i profili di una chiusura corporativa.

Addirittura, poi, non risulta neppure che la nostra associazione adotti mai provvedimenti di allontanamento, cioè di sospensione o espulsione, di propri iscritti responsabili di comportamenti come quelli sino ad ora descritti.

Eppure, costantemente chiediamo ai partiti non solo di operare una rigorosa selezione dei propri esponenti e quadri, ma soprattutto poi di avere il coraggio – prima ed indipendentemente dalla esistenza di possibili reati e quindi di indagini o processi – di estromettere dalle proprie fila e dalla vita politica coloro che appaiono compromessi con centri di affari o, peggio, con ambienti criminali.

Ma se questa è, di fatto, la posizione della associazione, è comprensibile che nei cittadini si diffonda la opinione secondo cui, in Italia, esiste anche una sorta di “casta giudiziaria” e che, in fondo, tanti giudici non siano poi molto diversi da settori del ceto politico, amministrativo o economico su cui pure, quanto alla moralità dei comportamenti, si esprimono giudizi severissimi.

La nostra credibilità di fronte ai cittadini riposa su molti fattori, ma uno di essi è la precondizione di tutti: ogni magistrato custodisce la propria indipendenza se non è avvicinabile e condizionabile da ambienti esterni e da centri di potere di qualunque natura.

Questa essenziale condizione deve necessariamente precedere ogni altra componente (la preparazione, lo scrupolo professionale, il rispetto rigoroso della regole processuali ecc.) che pur contribuisce a rendere credibile l’istituzione giudiziaria e l’attività di ogni singolo giudice o pm.

Stiamo per affrontare una stagione difficile in cui forse si decideranno anche le sorti dell’ assetto della magistratura che la Costituzione del ‘48 ha delineato.

Questa sfida può essere affrontata in vari modi, secondo alcuni anche continuando ad ignorare, insieme ad altre questioni, questo grande tema oppure magari sostenendo che esso è, dal punto di vista politico, scomodo, che occorre rinviarne l’analisi a tempi politici migliori e che, in fondo, parlarne apertamente e senza ipocrisie danneggia la nostra immagine.

Noi crediamo, al contrario, che questo momento non sia più rinviabile e che la difesa della nostra indipendenza sarà ancora meno efficace se la magistratura – in alcune sue componenti e realtà – è o anche solo appare non “eticamente autorevole”.

Sarà tanto più possibile conservare l’attuale assetto costituzionale della magistratura se non rimuoveremo il tema della esistenza di una nostra “questione morale” e se avremo, anzi, la capacità di discuterne senza censure e di trovare i modi per risolverla.

Per questo è necessario che la associazione nazionale magistrati si faccia finalmente carico delle aspettative di tanti suoi aderenti ed adegui conseguentemente la sua linea politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *