Stampa / Print

Cari amici promotori della manifestazione di Piazza Farnese, grazie per avere preso questa iniziativa. Il clamore mediatico di queste settimane ha paradossalmente ostacolato la conoscenza del fatto che, nel tessuto diffuso del mondo cattolico, esiste un reale disagio sulla esagitata campagna delle gerarchie ecclesiastiche sul caso Englaro e ora sul testamento biologico.Tra i credenti questa campagna è stata gestita dall’ala fondamentalista, mentre molto larga, ma troppo silente, è stata la richiesta di “silenzio e preghiera” ed un’altra componente, quella a cui apparteniamo, ha esplicitamente richiesto che Eluana riposasse in pace e che prevalessero, insieme alle sentenze della magistratura, il buonsenso e la carità cristiana.Il nostro atteggiamento in questo caso (non sempre in altri) si fonda su posizioni ecclesiali che dovrebbero essere del tutto acquisite (come quelle, ormai ben note, contenute nel cap.2278 del Catechismo ufficiale della Chiesa) e su testi inequivocabili del Concilio Vaticano II che “onora come sacra la dignità della coscienza e la sua libera decisione” (“Gaudium et Spes” cap. 41). L’ideologia oltranzista, che ora è prevalsa, si rifà alla cultura del “sabato” che Gesù deplorava (Mc 2,27 “Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato!”).Il progetto di legge sul testamento biologico, che è ora in discussione, non rispetta la funzione del medico, che deve essere sempre amico e collaboratore del malato ma non suo controllore o padrone, che deve occuparsi di tutelare la vita ma non accanirsi, oltre ogni logica, per la vita. La dichiarazione di fine vita viene burocratizzata fino a diventare quasi impossibile; soprattutto non viene rispettato quanto dice l’art. 32 della Costituzione. Per quanto riguarda l’alimentazione e l’idratazione, perché accettare questa invadenza della medicina e della tecnologia oltre ogni limite nei confronti di chi, per volere della Provvidenza (o del destino) è giunto alla fine del suo percorso e, per noi credenti, un altro lo attende, più sereno e più felice ? Perché usare il termine “eutanasia” quando di altro si sta parlando, cioè di accanimento ?Perché poi continuare in una contrapposizione tra l’identità “cattolica” che, da sola e sempre, difenderebbe la vita e quella “laica” che spregiudicatamente sarebbe disposta a facili cedimenti etici? Tutti i credenti, senza erigersi a maestri dovrebbero offrire a tutti la ricchezza della loro vita spirituale e della loro sensibilità morale per dialogare sui problemi della vita e della morte come si pongono ora e per cercare insieme le risposte delle istituzioni a problemi nuovi e complessi che la scienza pone oggi all’inizio del terzo millennio.Cari amici, sulle questioni che riguardano più specificatamente i tentativi di mettere in discussione la Costituzione, siamo del tutto d’accordo con l’appello per sabato: è necessaria una nuova fase di Resistenza che coinvolga tutte le forze sane e democratiche del paese. Abbiamo già resistito altre volte in questi ultimi anni. Ce la faremo ancora.Con ogni amicizia per “Noi Siamo Chiesa”Vittorio Bellavite, portavoce Roma 18 febbraio 2009www.noisiamochiesa.org(18 febbraio 2009)

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.