Stampa / Print
Fonte: http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/


Un lettore, stanco di tanto pessimismo, mi chiede delle soluzioni. Caro lettore, nel blog le abbiamo elencate molte volte in questi due anni. Anche per te il consiglio di informarti prma di parlare.

Comunque ti propongo un elenco di cose da fare………spero di averti dato una risposta.

Risposta dalla quale capirai che c’è UNA PRECISA VOLONTA’ DI NON FARCI USCIRE DALLA CRISI…

Certe cose potevano essere fatte da anni (e noi lo predichiamo da sempre) e non sono state fatte….

A voi le deduzioni…..

Lo stato dovrebbe:
1) Tassare le aziende che distribuiscono dividendi e che sono indebitate. Detassare gli utili che rimangono in impresa
2) Detassare gli investimenti in Ricerca e Sviluppo. Tassare le aziende che non investono.
3) Mettere in atto una serie di manovre che riportino cash flow in Italia e al pubblico.
4) Nazionalizzare i monopoli (Autostrade, Lotto, Telecom, Enel, Eni, Terna ecc ecc)
5) Favorire il fallimento di alcune banche malate (salvando i conti correnti) e caciando la attuale classe dirigente
6) Favorire la nascita di una o due nuove banche sane che comincino a prestare con l’ottica del giusto profitto
7) Alzare barriere protezionistiche ogni volta che in Europa i governi salvaguardano interessi di aziende locali:
es: Ing salvata con i soldi dello stato olandese NON può raccogliere soldi in Italia offrendo tassi competitivi rispeto a banche italiane
Le case automobilistiche estere, se vengono aiutate direttamente dallo Stato (vedi Francia) dovrebbero subire una tassazione (IVA) più alta rispetto ad altre case automobilistiche

8) Investire in una scuola veramente competitiva (stop all’istruzione per tutti. Occorre un processo di selezione e permettere ai migliori di imporsi con più facilità)
9) Investire in Ricerca e Sviluppo grazie alle università.
10) Selezionare dei settori strategici dove L’Italia potrebbe emergere nei prossimi 10 anni, aiutare la creazione di centri di eccellenza. Per esempio: il turismo (tanto si potrebbe fare in zone poco popolate come la Calabria., il trasporto aereo (con la cacciata di Air France, e l’arrivo di una compagnia asiatica capace di trasformare l’Italia in punto di arrivo per milioni di asiatici (con tariffe low cost). Rilanciare il made in Italy. Investire veramente in Energie rinnovabili.
11) Rendere l’energia, le autostrade, le comunicazioni MENO CARE PER L’IMPRESA in modo da renderla competitiva.
12) Se il debito fosse troppo alto attuare una drastica patrimoniale o allungare forzatamente la scadenza del debito.
13) Bloccare la libera circolazione di capitali all’estero.
14) Introdurre una tassa pesante sull’acquisto di oro.
15) Garantire ai cittadini la sicurezza su SANITA’ E PENSIONI!!! (altrimenti il popolo spenderà sempre meno)
16) Tagliare pesantemente la spesa pubblica
17) Rendere la televisione portatrice di cultura. Una televisione anche in inglese. Elimazione di programmi stupidi portatori di sottocultura da america latina.
18) Eliminare le province
19) Ci sarà disoccupazione, ma è inevitabile, e solo da una situazione più pulita si potrà ripartire con un nuovo modello di sviluppo.
20) alzare il coefficiente di riserva obbligatoria delle banche al 20%
21) Prepararsi a pagare interessi sul debito a due cifre.

22) MA SOPRA OGNI COSA: FAR PREVALERE LA LOGICA DEL GIUSTO PROFITTO PER CHI SI FA UN MAZZO TUTTI I GIORNI.

CHI INVECE VIENE MESSO IN CASSA INTEGRAZIONE E VA A SPENDERE SOLDI IN RISTORANTI E WEEK END IN GIRO PER IL MONDO….BEH…QUESTI SAREBBERO I SOGGETTI DA PUNIRE (LE CICALE DI OGGI MORIRANNO PRESTO)

Il mondo è fato per chi ha fame e per chi si rimbocca le maniche, si mette in discussione e sa che presto a tardi la carne, il pesce, e tanti altri alimentari andranno alle stelle, l’educazione sarà solo per i ricchi (anche se io preferirei per i bravi….)

E’ giusto premiare chi lavora duramente. Il motore dell’uomo è legato ai successi personali e alla volontà di creare qualcosa per la sua famiglia e i suoi figli. Tassare i ricchi NON è la soluzione. Quello che andrebbe tassato è il capitale che non entra in circolazione (ma in un ambiante finanziario stabile, non instabile).
VI RICORDATE LA PARABOLA DEI TALENTI???

ecc ecc

Come vedete sono tante le cose che il governo potrebbe fare per organizzare un futuro migliore.

MA NON LE FA….

Noi nel nostro piccolo possiamo solo difendersi:
1) Risparmiare
2) Consumare solo se possiamo permettercelo (partendo da vacanze, cellulari, ristoranti)
3) Il debito va fatto solo dalle imprese E NON DA PRIVATI
4) Il debito dei privati dovrebbe essere concesso solo per acquistare la prima casa (con un mutuo la cui rata non deve superare il 30% dello stipendio e per un valore non superiore al 40% del valore dell’immobile.
5) Risparmiare ma diversificando tramite:
a) conti aperti in più nazioni e in più banche (legalmente)
b) Oro
c) Materie prime alimentari
d) terreni
e) Nei mercati azionari (al momento opportuno e valutando il rischio)
f) liquidità
5) fare investimenti con un orizzonte temporale di un anno
6) Valutare sempre NON quanto si può guadagnare ma QUANTO SI PUO’ PERDERE (WORST CASE SCENARIO)
7) Accertarsi sempre dei costi quando si investe. Un euro risparmiato è un euro guadagnato.
8) Organizzarsi in gruppi di acquisto
9) Creare una rete di solidarietà

E’ evidente che alcune cose che noi dobbiamo fare sono in contrasto con quello che il governo dovrebbe fare. E’ evidente che il nostro interesse particolare NON COINCIDE CON L’INTERESSE GENERALE.

I due elenchi sono parziali …si accettano consigli e miglioramenti.

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.