Stampa / Print

[Guardian]
John Hooper racconta i fatti più importanti del processo per corruzione in cui è coinvolto l’ex marito di Tessa Jowell, il Ministro per le Olimpiadi.
Perchè il marito di un ministro inglese era sotto processo in Italia?
David Mills è un avvocato. Per diversi anni è stato consulente per le aziende del primo ministro italiano, aiutandogli a creare una rete di aziende estere oggetto di vari casi giudiziari in cuiBerlusconi era imputato. I Pubblici Ministeri italiani inizialmente pensarono che Mills era semplicemente un consulente e non aveva alcuna responsabilità nelle delle presunte malefatte. Ma nel 2003 hanno iniziato ad investigare anche su di lui.
Di cosa era accusato?
Ci sono due casi collegati. In entrambi, Mills e Berlusconi negarono le malefatte. Uno riguarda il commercio di diritti d’autore cinematografici tramite compagnie estere. Era accusato di aver aiutatoBerlusconi ad evadere le tasse e a riciclare denaro sporco, ma quel caso venne sospeso dopo che il governo Berlusconi approvò una legge che dava al Presidente del Consiglio italiano e altre cariche immunità dai processi. Nel secondo caso Mills era accusato di essere stato corrotto per non rivelare prove in due processi precedenti nei quali Berlusconi era imputato e Mills un testimone secondo l’accusa.
Com’è nato il processo?
I Pubblici Ministeri avevano la una lettera scritta da Mills al suo commercialista. In essa egli diceva di aver “aggirato ostacoli molto complicati per tenere Mr B. fuori da un mare di guai”. Mills venne interrogato dall’accusa e confermò il contenuto della lettera. In seguito chiarì il fatto. Disse che il denaro proveniva da un tizio di nome DiegoAttanasio.
Che prove ci sono che il denaro proveniva da Berlusconi?
L’accusa ha solo la lettera di Mills al suo commercialista.
Mills quale prova ha addotto per dimostrare che il denaro non proveniva da Berlusconi?
Il suo avvocato ha presentato centinaia di documenti alla corte.
[Articolo originale di John Hooper]

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.