Stampa / Print
Fonte: http://www.pieroricca.org/2009/02/01/ciao-giuseppe/

La notizia tristissima ci è giunta ieri sera: il nostro amico Giuseppe Gatì non c’è più. Un assurdo incidente sul lavoro ce lo ha porto via in un istante. Ci aveva scritto per comunicarci il suo impegno, la sua voglia di non arrendersi. Lo abbiamo conosciuto a Palermo poche settimane fa. Rimane il rimpianto per un ragazzo eccellente che avrebbe dato ancora molto alla sua terra e a tutti noi.

Le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e a ai suoi amici.

Piero e Franz

7 Aprile 2008

“Io ho deciso di rimanere qui, perchè non devo essere io ad emigrare per non “sporcarmi le mani” per cercare un lavoro, ma deve andare via chi questa terra l’ha martoriata.

Ho creato un piccolo spazio cartaceo che periodicamente metto in giro (volantini e manifesti) al quale ho dato il nome di QUI CAMPOBELLO LIBERA (il mio paese infatti si chiama Campobello di Licata in provincia di Agrigento).

Ancora sono il solo ad occuparmene, ma confido di risvegliare qualche bell’anima; Il mio spazio si occupa di informare i cittadini di ciò che i media nazionali oscurano o censurano: condannati in parlamento, leggi vergogna, inciuci ecc.

Ho già avuto i primi commenti negativi, ma non mi fermo qui. Questa è la mia terra e io la difendo.”

Giuseppe Gatì

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.