Stampa / Print
function fbs_click() {u=location.href;t=document.title;window.open(‘http://www.facebook.com/sharer.php?u=’+encodeURIComponent(u)+’&t=’+encodeURIComponent(t),’sharer’,’toolbar=0,status=0,width=626,height=436′);return false;} html .fb_share_button { display: -moz-inline-block; display:inline-block; padding:1px 20px 0 5px; height:15px; border:1px solid #d8dfea; background:url(http://b.static.ak.fbcdn.net/images/share/facebook_share_icon.gif?8:26981) no-repeat top right; } html .fb_share_button:hover { color:#fff; border-color:#295582; background:#3b5998 url(http://b.static.ak.fbcdn.net/images/share/facebook_share_icon.gif?8:26981) no-repeat top right; text-decoration:none; } Condividi

Fonte: http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=3079

Un argomento di cui si è parlato poco, durante la campagna elettorale, è la posizione di Obama sulla decriminalizzazione della marijuana, ma nel passato l’ex-senatore dell’Illinois aveva più volte dichiarato di essere a favore della sua legalizzazione per uso medico.
In realtà il problema della marijuana è molto più complesso, poichè la sua messa al bando non fu lo scopo primario della legge che la abolì, nel 1937, ma solo una conseguenza della più ampia battaglia condotta contro la cannabis a livello industriale, a partire dai primi anni ’30.A sua volta quindi, dietro alla legalizzazione della marijuana per uso medico si nasconde un movimento sempre più forte, che vorrebbe tornare all’utilizzo della cannabis per uso industriale.E poichè negli anni ’30, per abolirne l’uso industriale si dovette criminalizzare quello personale, …… ora percorrere il tragitto inverso è diventato molto più difficile.Nel frattempo infatti l’idea della marijuana come “erba del diavolo” si è profondamentre radicata negli strati culturalmente più arretrati della popolazione, e proporne la legalizzazione equivale a rendersi, in certe fasce di territorio, “nemici della società”. A tutto questo va aggiunta una complicazione di tipo legislativo, tipica degli Stati Uniti: la legge che proibisce la cannabis nacque come legge federale, ma una dozzina di stati (California, Colorado, Michigan, New Hampshire, ecc.) nel tempo l’hanno ripudiata, autorizzando nei propri confini l’utilizzo della marijuana per uso medico.Questo ha dato origine, in passato, ad incidenti paradossali, nei quali un medico somministrava legalmente la marijuana ai suoi pazienti, con tanto di permesso di polizia, solo per vedersi trascinare in tribunale dai federali, che non riconoscono invece la legge statale.Riguardo a questo potenziale conflitto, Obama ha detto chiaramente che durante la sua presidenza episodi del genere non avverranno. “Abbiamo troppe incombenze da risolvere – ha detto più di una volta – per dedicare risorse del ministero di giustizia a questo tipo di problemi”. Traduzione: gli stati che hanno già legalizzato la marijuana stiano tranquilli. Gli altri si sbrighino a farlo, se lo vogliono, perchè questo è il momento adatto.

Massimo Mazzucco

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.