Eluana, Margherita Hack: “Accanimento fondamentalista”

Stampa / Print
Fonte: http://temi.repubblica.it/micromega-online/eluana-margherita-hack-accanimento-fondamentalista/

Margherita Hack: “E’ vergognoso che gente che si dichiara cristiana si accanisca in modo fondamentalista contro una persona che è morta da 17 anni, che non ha nessun modo di difendersi e che quando era in vita aveva sempre dichiarato di non voler essere sottoposta all’accanimento terapeutico. Peggio ancora, però, è che siano i politici a intromettersi: chi vuol agire contro la sentenza della Corte di Cassazione, ma anche la passività della sinistra e del Partito democratico, che ha avuto una reazione estremamente debole contro l’ingerenza della Chiesa”.

Guarda il video all’indirizzo http://temi.repubblica.it/micromega-online/eluana-margherita-hack-accanimento-fondamentalista/

2 comments for “Eluana, Margherita Hack: “Accanimento fondamentalista”

  1. Anonimo
    22 novembre 2009 at 15:45

    Le religioni in se stesse sono già
    delle forme estremizzate di idee, di concetti, di pensieri profondi e
    di sentimenti spirituali, anche senza arrivare a forme di violenza
    fisica bruta. E' una violenza
    psicologica estrema. L'estremizzazione, la radicalizzazione di un'idea, di un concetto, di un pensiero o di una
    astrazione può sfociare in due soli eventi: o si instaura una
    dittatura politica o una dittatura
    religiosa. Il Vaticano deve spiegare alla popolazione, ai media
    in generale perchè sono stati rifiutati funerali religiosi ai vari Welby, Coscioni, Eluana e ad altre persone nelle stesse condizioni poi decedute. Invece non sono stati rifiutati funerali
    religiosi ai vari mafiosi, assassini, stupratori. Queste persone hanno spezzato le vite di tanti innocenti. Tutte le religioni
    dicono che la vita è sacra!! Devono
    spiegare perchè un delinquente
    sospettato di essere uno dei rapitori di Emanuela Orlandi, non
    solo ha avuto funerali religiosi,
    ma è stato anche sepolto in una chiesa. Di Roma, capitale dello stato Pontificio e capitale del
    mondo cattolico. Verso la fine degli anni '90, una bambina, figlia
    di due Testimoni di Geova, è morta
    in un ospedale italiano per una mancata trasfusione per motivi
    solo religiosi. Nessuno ha fatto
    niente di niente per salvare quella
    bambina, neanche i dottori, che
    hanno fatto un giuramento per intraprendere quella carriera.
    Allora mi domando, ma la chiesa, il
    Vaticano che idea hanno della vita,
    bisogna rispettarla sempre o solo
    in situazioni opportunistiche??
    Viva il libero pensiero contro
    tutte le dittature politiche e
    religiose!!

  2. Anonimo
    23 novembre 2009 at 13:16

    concordo pienamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *