Stampa / Print
Fonte: http://www.ecplanet.com/canale/salute-7/oculistica-102/1/0/45775/it/ecplanet.rxdf

Infatti, secondo i ricercatori australiani, è la luce del sole a liberare sostanze chimiche che impediscono la crescita eccessiva del globo oculare, causa principale della miopia. Lo studio, promosso direttamente dal governo australiano per varare nuove politiche di salute pubblica, ha confrontato la vista e le abitudini di bambini di sei e sette anni a Singapore con quelle di loro coetanei in Australia.

Il 30 per cento dei bambini di Singapore sono risultati miopi, ben 10 volte di più degli australiani. I geni non c’entrano, però: entrambi i gruppi erano composti da bambini di origine cinese. La differenza è nel sole: i bambini australiani hanno speso una media di due ore al giorno all’aria aperta, 90 minuti in più rispetto ai loro coetanei del Sud-Est asiatico. “I due gruppi – ha confermato il capo dei ricercatori Ian Morgan, dell’Australian research Council’s Vision Centre – avevano passato lo stesso tempo davanti ai videogiochi, al computer e la tv. L’unica differenza che abbiamo accertato è la quantità di tempo trascorsa all’aria aperta”.

Troppo poca luce solare, insomma. Per questo i bambini delle aree urbane occidentali, spiega il ricercatore, stanno diventando sempre più miopi. “In alcune città dell’est asiatico l’80-90 per cento dei bambini sono miopi, e sia i governi che l’Oms sono molto preoccupati al riguardo”.

La luce naturale, centinaia di volte più luminosa quella al coperto, innesca il rilascio di dopamina, che impedisce la crescita disordinata del bulbo oculare e la distorsione che provoca la miopia. Lo conferma uno studio effettuato a Sydney lo scorso anno, che dimostra come tre ore al giorno di luce naturale dimezza il rischio di miopia. Tuttavia, secondo altri studi la luce del sole si “paga” negli anni: i bambini nati in estate, con la luce del solleone, hanno molta più probabilità di diventare miopi in età avanzata.

Data articolo: gennaio 2009

Fonte: salute.agi.it

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.