Stampa / Print
Fonte: http://www.carta.org/campagne/diritti+civili/16144

Potranno essere entrambe madri biologiche del proprio bambino [o bambina]. Accade in Spagna ad una coppia lesbica. Il ministero della sanità, o meglio la Commissione sulla riproduzione umana [un organismo consultivo da questo dipendente], ha dato parere positivo alla richiesta formulata il 4 dicembre da una coppia lesbica che chiedeva di poter usufruire senza discriminazioni della legge sulla fecondazione assistita. Questa impone l’anonimato per i donatori di gameti [ovuli o spermatozoi] tranne nel caso in cui il donatore sia il marito della donna nel cui utero si impianta l’ovulo fecondato. Secondo la commissione, dal momento che la legge autorizza la donazione di gameti dal marito alla moglie, non c’è ragione per cui ad una donna debba essere vietato di donare un ovulo alla compagna alla quale è legata «da vincolo affettivo o matrimoniale» [dal 2005 la Spagna riconosce il matrimonio per le coppie gay e lesbiche]. Il donatore di spermatozoi rimarrà comunque anonimo, come impone la legge. Il parere della commissione avrà valore di precedente e permetterà a tante altre coppie lesbiche di accedere alla fecondazione assistita con questo sistema.

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.