Stampa / Print
Fonte: http://italiadallestero.info/archives/2203

Pubblicato Lunedì 1 Dicembre 2008 in Spagna
[El Pais]

Il nuovo sito web dello scrittore italiano vuole denunciare le attività della camorra

Lo scrittore italiano Roberto Saviano, autore di “Gomorra”, ha aperto oggi il primo portale Internet sulle attivitá della mafia, dal titolo “Oltregomorra”.
Il portale, www.oltregomorra.com, coordinato da Alessandro Pecoraro e creato col consenso di Saviano, è strettamente legato al sito dell’autore di “Gomorra”, www.robertosaviano.it, da cui riprende la grafica e la struttura, ma ne rimane totalmente indipendente.
Il portale è diviso in diverse sezioni: “Letture e Produzioni” (commenti, fotografie, video, archivi, grafici, mostre relazionate alla mafia); “L’Italia che resiste” (dedicata a gruppi, associazioni e istituzioni che lottano quotidianamente contro la cultura dell’illegalità e che lavorano per la difesa dell’ambiente e della salute).

Al tempo stesso nel sito alberga un “Vocabolario della Camorra”; “Processo Spartacus” (fatti, nomi e investigazioni dei clan dei Casalesi); “Beni confiscati” (dati, statistiche e informazioni sulle pene e sul riutilizzo dei beni rubati nel clan).

L’obiettivo del portale è crescere giorno per giorno attraverso lo sviluppo delle sezioni esistenti e la creazione di nuove, inclusa l’imminente apertura di una dedicata all’ambiente. Da quando ha pubblicato la polemica opera “Gomorra” sui segreti della mafia, Roberto Saviano vive nascondendosi dalle minacce di morte ricevute dai clan che ha analizzato nel suo libro. Forse è per questo che oggi appare nel portale una frase del “Don Chisciotte de la Mancha”: “La libertà è il bene più grande che i cieli abbiano dato agli uomini”.


[Articolo originale di EFE]

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.