Stampa / Print
Fonte: http://feeds.blogo.it/~r/ecoblog/it/~3/d4IRFnujhIA/pile-da-giovedi-18-dicembre-quelle-esauste-saranno-raccolte-dai-produttori-ma-sono-pronti

Qualche mese fa Simone ci aggiornava sulla situazione della raccolta e smaltimento pile chiedendosi se il Governo sarebbe stato tempestivo nel recepire le direttive europee in materia.

Diciamo che lo è stato: qualche giorno fa è stato pubblicato il Dl 188/2008 che recepisce la direttiva europea 2006/ 66/CE sulla produzione e il riciclo di pile e accumulatori e che abroga la direttiva 91/157/CEE e che specifica che a dover farsi carico della raccolta, trattamento e riciclo sono i produttori.

Infatti leggo dal sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri:

Il sistema è improntato in maniera quasi esclusiva sulla responsabilità dei produttori di pile e di accumulatori ai quali si chiede di sovvenzionare tutte le operazioni, dall’informazione ai cittadini, alla raccolta differenziata dei rifiuti, nonché di finanziare la realizzazione di sistemi di trattamento e di riciclaggio dei rifiuti di pile e di accumulatori.

Il consorzio Re.Media, che si occupa per i produttori di attuare il decreto scrive:

Secondo quanto previsto dal decreto, i Produttori o i terzi che agiscono il loro nome (in questo caso ReMedia in nome dei propri Soci) organizzano e gestiscono sistemi di raccolta separata delle pile portatili. Tali sistemi dovrebbero entrare in funzione entro il 26 Settembre 2009 e saranno conformi a specifici requisiti tecnico-operativi contenuti in un apposito allegato al Decreto. Le attività di raccolta avverranno senza oneri per gli utilizzatori e senza obbligo di acquisto di nuove pile. I distributori dovranno mettere a disposizione dei propri clienti appositi contenitori ed i sistemi collettivi saranno tenuti a ritirare gratuitamente le pile presso i negozi, le isole ecologiche pubbliche e gli impianti di trattamento.

Perciò, in attesa del 26 settembre 2009, le pile scariche che ho qui a casa a chi le porto?

Sintesi delle finalità e obblighi

Obiettivi di raccolta: occorre arrivare ad un tasso di raccolta del 25% per le pile portatili entro il 26 Settembre 2012 e del 45% entro il 26 Settembre 2016;

Definizione di pile portatili: le pile, le pile a bottone, i pacchi batteria o gli accumulatori che sono sigillati, sono trasportabili a mano e non costituiscono pile o accumulatori industriali né batterie o accumulatori per veicoli;

Definizione di Produttore: chiunque immetta sul mercato nazionale per la prima volta a titolo professionale pile o accumulatori a prescindere dalla tecnica di vendita utilizzata;

Divieti di immissione: dalla data di entrata in vigore del decreto sarà vietato introdurre sul mercato pile contenenti percentuali di mercurio e cadmio superiori a determinate soglie fissate dal decreto stesso;

Progettazione AEE: gli apparecchi contenenti pile ed accumulatori devono essere progettati in modo tale che i rifiuti di pile e accumulatori siano facilmente rimovibili. A decorrere dal sesto mese dalla data di entrata in vigore del decreto gli apparecchi dovranno essere corredati da istruzioni che indicheranno come rimuoverli senza pericolo e informeranno l’utilizzatore finale sul tipo di pile ed accumulatori incorporati.

Registro Nazionale: sarà istituito, presso il Ministero dell’Ambiente. Il produttore di pile ed accumulatori potrà immettere sul mercato pile e accumulatori solo a seguito di iscrizione telematica al Registro. L’iscrizione dovrà avvenire entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del decreto (presumibilmente verso la prossima estate).

Etichettatura: entro il 26 Settembre 2009 le pile e gli accumulatori saranno immessi sul mercato solo se contrassegnati con il simbolo del bidoncino barrato (secondo precise indicazioni fornite dal Decreto);

Sanzioni: Le sanzioni saranno molto pesanti: vanno da 50 a 1000 Euro per singola pila, a seconda dell’infrazione commessa.

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.