Stampa / Print
Fonte: http://feeds.blogo.it/~r/ecoblog/it/~3/iXX8AcZpdvM/lotta-biologica-nel-giardino-usiamo-le-piante-comuni

I disciplinari di agricoltura biologica impongono l’utilizzo di mezzi di lotta naturali. Capita così che si senta il bisogno di avere un piccolo allevamento di insetti utili. Il classico esempio è la coccinella che, oltre a portare fortuna, è un ottimo aiutante e tiene a bada gli afidi. Ma come è possibile avere a disposizione questi artropodi sempre pronti all’uso?

In commercio esistono delle scatole al cui interno sono contenute le larve o le uova di svariate specie, ma qualcosa possiamo farlo pure noi coltivando le piante che attirano gli insetti utili. Prendiamo la classica coccinella: possiamo utilizzare le carote, il finocchio, l’achillea, l’aneto, l’Anthemis tinctoria, la potentilla, il tagete, il tarassaco, la veronica o la veccia; tutte specie facilmente reperibili.

Un’altra specie utile è la crisopide, un insetto che certamente avrete visto e che dovrebbe aver attirato la vostra attenzione grazie ad un colore verde intenso, “grandi” ali e lunghe antenne. Anche in questo caso la lista di piante è lunga e, oltre a quelle sopra citate compaiono anche il coriandolo ed il girasole (non quello coltivato).

Concludiamo con i ditteri sirfidi: sono delle mosche che utilizzano il mimetismo per apparire più pericolose e somigliare alle vespe. Da queste tuttavia sono facilmente distinguibili per il volo a zig zag caratteristico delle mosche e ovviamente per il fatto che non pungono. Anche questa specie si principalmente di afidi e tra le essenze che ne favoriscono la presenza troviamo anche la menta, la melissa, il sedum, il grano saraceno, il timo.

Non vi resta che adornare qualche angolo di giardino con queste piante per contrastare al meglio gli odiati afidi. Ricordiamoci anche che sarebbe importante consentire a queste specie di ovideporre o di svernare lasciando, magari, delle foglie secche accumulate in un angolo. Le vostre rose vi ringrazieranno.

Tag

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.