Stampa / Print
Fonte: http://toghelucane.blogspot.com/2008/12/lon-salvatore-margiotta-resta-piede.html

La Giunta per le autorizzazioni a procedere ha negato l’autorizzazione agli arresti domiciliari per l’On. Salvatore Margiotta. Le spiegazioni fornite agli italiani sono assolutamente campate in aria a servono solo a mascherare la realtà dei fatti: i politici si considerano una casta e come tale di distinguono dai paria che, ove un PM lo richieda ed il Gip lo decreti, finiscono in carcere senza se e senza ma. La verità è che per l’On. Margiotta, come per altri comuni mortali in carcere da tre giorni, il sospetto di gravissimi reati suffragato da consistenti indizi era grande quanto un grattacielo e nulla aveva a che fare con le sue opinioni politiche e le sue attività di parlamentare (se si esclude l’attività illecita, ovviamente). L’unico motivo che avrebbe giustificato l’immunità era proprio un provvedimento teso a limitare l’attività politica e la libera espressione del pensiero, ma non era questo il caso. Prendiamo atto che la casta è dura a morire e lasciamo ai lettori il giudizio su questo ennesimo episodio di dispregio verso la Giustizia e verso i cittadini “comuni”, sempre più diseguali di fronte alla Legge.

Scarica l’atto di arresto e leggi cosa succede in Italia all’ombra della casta politica bi-partisan.

.

Decreto di arresto e sequestro inchiesta TOTAL della Procura della Repubblica di Potenza

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.