Stampa / Print
Fonte: http://www.carta.org/campagne/dal+mondo/16057

La crisi finanziaria e l’impennata globale dei prezzi dei generi alimentari ha aggiunto altri 40 milioni di persone nella lunga lista delle persone che soffrono la fame. Il numero totale è agghiacciante, si tratta di circa 1 miliardo di persone denutrite in tutto il mondo [quasi tutte nei paesi in via di sviluppo], precisamente 963 milioni, secondo «Lo stato dell’insicurezza alimentare nel mondo 2008», il rapporto 2008 pubblicato oggi dalla Fao. Popolazione numerosa e progressi relativamente lenti nella riduzione della fame fanno sì che circa due terzi di coloro che soffrono la fame vivano in Asia [583 milioni nel 2007]. Nell’Africa sub-sahariana una persona su tre – circa 236 milioni nel 2007 – è cronicamente affamata. Il grosso di questo aumento si è registrato nella Repubblica democratica del Congo, conseguenza della persistente situazione di conflitto.

«E l’attuale crisi finanziaria ed economica – avverte l’agenzia dell’Onu con sede a Roma – potrebbe far lievitare ulteriormente questa cifra». Secondo il rapporto, anche se i prezzi sono calati dall’inizio dell’anno [come quelli dei principali cereali, calati di oltre il 50 per cento] questo «non ha messo fine alla crisi alimentare di molti paesi poveri», ha dichiarato il vicedirettore generale della Fao Hafez Ghanem.

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.