Stampa / Print
Fonte: http://www.internazionale.it/firme/articolo.php?id=20885

Salvare le aziende di bandiera è giusto, ma se non hanno un futuro si finisce per sprecare i soldi dei contribuenti

Internazionale 771, 20 novembre 2008

A Washington gira voce che Bush e Obama si siano scontrati sugli aiuti all’industria automobilistica. Due visioni del ruolo dello stato nei momenti di crisi, quella liberista di Bush e quella più interventista di Obama, sono a confronto su un terreno scivoloso: l’industria di bandiera.

Forse nessuna delle due potrà salvare le aziende. Ne sanno qualcosa gli inglesi. Tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli anni ottanta, il governo di Margaret Thatcher pompò 16 miliardi di dollari nei bilanci dell’agonizzante British Leyland, denaro che non servì a evitarne la chiusura. Il problema non era congiunturale ma strutturale: la casa automobilistica non era competitiva perché era ancorata a un mercato che non esisteva più.

La General Motors (Gm) si trova in una situazione analoga: produce macchine con un alto costo di carburante in un momento in cui i consumatori hanno pochi soldi da spendere. Per anni la Gm ha evitato di finanziare una riconversione industriale che abbattesse i consumi dei veicoli e ha spostato parte della produzione all’estero, mentre i concorrenti giapponesi aprivano le loro fabbriche negli stati del sud.

Salvare le aziende di bandiera è giusto, ma se non hanno un futuro si finisce per sprecare i soldi dei contribuenti. Anche la nostra classe politica dovrebbe ricordarsi del fiasco della British Leyland.

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.