Stampa / Print
Fonte: http://www.carta.org/campagne/genova+2001/15952

«La mancanza, nel nostro sistema penale, di uno specifico reato di tortura ha costretto l’ufficio del pm a circoscrivere le condotte inumane e degradanti [che avrebbero potuto senza dubbio ricomprendersi nella nozione di tortura adottata nelle convenzioni internazionali]». E’ uno dei passaggi chiave delle 441 pagine delle motivazioni della sentenza di primo grado per il processo a 45 agenti di vari corpi dello stato sui maltrattamenti avvenuti nella caserma di Bolzaneto, durante i giorni del G8 genovese del luglio 2001. Il processo si è chiuso ad agosto scorso, con 30 assoluzioni e 15 condanne, con pene comprese fra 5 mesi e 5 anni di carcere. I reati attribuiti erano abuso d’ufficio, violenza privata, falso ideologico, abuso di autorità nei confronti di detenuti o arrestati, violazione dell’ordinamento penitenziario e della convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, reati gravi ma relativamente leggeri. Ma se ci fosse stato nell’ordinamento penale italiano il reato di tortura, secondo i giudici, il titolo del reato sarebbe stato ben diverso e più grave. Le condotte tenute da poliziotti, carabinieri, agenti della polizia penitenziaria e finanzieri nella caserma di Bolzaneto, diventata «prigione temporanea» per i giorni del G8, sono infatti qualificabili come tortura. La sentenza quindi sarebbe stata di ben altro peso.

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.