Stampa / Print
Fonte: http://www.carta.org/articoli/15986

La proposta di depenalizzazione internazionale dell’omosessualità, presentata all’Onu dalla Francia, non è piaciuta al Vaticano. Monsignor Celestino Migliore, osservatore permanente della Santa sede presso le Nazioni unite ha fatto sapere che la depenalizzazione dell’omosessualità porterebbe – niente di meno che – alla «discriminazione» degli stati che non «riconoscono l’omosessualità» e verrebbero – per questa ragione – «messi alla gogna». Questa presa di posizione «si prefigura come un vero e proprio atto di condanna a morte contro i milioni di gay e di lesbiche», scrive l’Arcigay, che ricorda che in 91 paesi del mondo l’omosessualità è punita con sanzioni, torture, reclusione o con la morte.

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.