Stampa / Print
Fonte: http://feedproxy.google.com/~r/climatrix-blog/~3/kQkcUYa7u6Q/il-tuo-letto-al-posto-giusto.html

di Achille Sacchi
dal sito: http://www.casasalute.it

E’ ormai ampiamente dimostrato che livelli elevati di campi elettromagnetici e di radiazioni della terra, possono arrecare seri danni alla salute. Per i più scettici…..se vi documentate un po’, vi sono abitazioni o luoghi di lavoro in cui l’incidenza di problemi di salute è molto elevata e molto spesso le persone ammalate sostano o sostavano in zone ben precise (letto, scrivanie, ecc). Un alto stress elettromagnetico o radioattivo può essere una delle cause principali nell’insorgenza di malattie, soprattutto quelle degenerative.

Tutti i luoghi, incluse tutte le abitazioni e ambienti di lavoro, sono immersi in queste “perturbazioni”, ovviamente in maniera diversa. Le zone più a rischio sono i locali in cui si permane, pressoché immobili, per molte ore e quindi principalmente le camere da letto. Spesso si è fortunati, oppure ipersensibili, a scegliere una buona posizione e un buon orientamento dei letti, ma se ciò non avvenisse, il rischio sarebbe veramente elevato, tanto più se non si gode di una buona salute.
Quindi improvvisarsi in queste scelte non è sempre opportuno.
Rilevare ed evitare (eventualmente bonificare) questi disturbi invisibili è prioritario per mantenere o ripristinare un buono stato di salute.
In proporzione a quello che ci costa il nostro benessere psicofisico in termini di visite mediche, medicinali e rimedi, il costo di una consulenza e di un’eventuale bonifica è veramente irrisorio.

L’effetto di tutte le perturbazioni che verranno citate è tanto maggiore quanto maggiore è il tempo
d’esposizione e lo stato delle nostre difese naturali. Il massimo dell’effetto, diverso da soggetto a
soggetto, lo subiamo soprattutto durante le ore di sonno, dove il corpo compie attività di rigenerazione
fondamentali ed è altamente più vulnerabile per le ragioni che seguono:
• di notte non c’è compensazione solare e le altre interferenze hanno allora campo libero.
• sdraiato sul letto, l’uomo offre all’irraggiamento cosmico e tellurico una superficie maggiore rispetto
alla posizione seduta o eretta.
• durante il sonno la tensione elettrica della pelle diminuisce sensibilmente e la protezione faradica
diventa molto meno efficace.
• infine non trascuriamo il ruolo della latenza: si è per un tempo relativamente lungo nel medesimo
luogo, addirittura nella stessa posizione o quasi”.

Ecco un riassunto delle funzioni attivate mentre dormiamo:
• riparazione dei tessuti danneggiati
• rigenerazione degli organi esauriti
• cicatrizzazione delle ferite
• eliminazione dei rifiuti organici
• ricostruzione di nuove cellule
• secrezione degli ormoni della crescita
• rafforzamento dell’ossatura
• tonicità dei muscoli
• ricarica del potenziale energetico

Dalle cellule fino agli organi, ogni particella del nostro organismo è in costante rinnovamento, la
saggezza popolare dice che “dormire è guarire”.
L’ambiente a cui fare più attenzione è, per le ragioni suddette, la stanza da letto (rientrano anche
luoghi in cui si permane pressoché fermi per più di 4 ore). Importante è quindi il giusto
posizionamento dei letti, l’ottimo è evitare le zone più pericolose (elevati livelli di radiazioni della terra
e inquinamento elettromagnetico) e secondariamente orientare il letto con la testiera verso i punti
cardinali migliori (in generale le esposizioni migliori vanno da Nord a Est), purché a Nord Est non ci
siano cause di congestione (per sfruttare i venti energetici derivati dalle correnti planetarie provenienti
dal Nord e da Est.). Infatti, se a Nord-Est della testiera del letto e sopra e sotto della stanza, non ci
sono gravi congestioni (congestioni biologiche derivanti da fosse settiche, fogne, persone malate,
bagni; congestioni elettromagnetiche derivanti dall’elettrosmog; congestioni psichiche generate da forti
emozioni, traumi e fobie rimasti intrappolati in stanze o negli stessi muri; congestioni varie esempio
quelle causate dal passaggio del gas metano o trasportate dall’impianto di riscaldamento che passa in
zone congeste e che le irradia tramite i radiatori) questi venti, generalmente puliti, opereranno una
regolare pulizia del plasma tossico del corpo dalla testa ai piedi.

Si può brillantemente rimediare a tutti questi problemi seguendo questo semplice schema:
1. posizionare correttamente i letti o le postazioni in cui si permane a lungo (fuori da zone ad alto
stress tellurico e elettromagnetico e con la testiera verso le posizioni che vanno da Nord a Est, a
seconda delle persone: quelle troppo attive verso nord, l’est tende ad eccitare)
2. posizionare le indispensabili apparecchiature elettriche (TV, computer, forni, trasformatori,
lampade, ecc.) alla dovuta distanza, in genere 1 metro, e intelligentemente secondo i criteri
della circolazione energetica (possibilmente a sud delle posizioni della persona)
3. favorire la circolazione energetica e quindi tenere spesso le finestre aperte, soprattutto quelle a
nord e a sud (meglio se porte-finestre in quanto le congestioni sono più pesanti delle energie
pulite e si dispongono in basso), di tutta la casa aperte in modo da far circolare aria e energie
pulite, e questo discorso vale soprattutto per i bagni, nei quali prima di coricarsi bisognerebbe
chiudere il coperchio del water, per limitare la risalita delle congestioni biologiche (cogestioni
altamente tossiche che risalgono dalla fossa settica). Pulire periodicamente le fosse settiche.
4. evitare gli specchi ( o coprirli) nelle stanze da letto, in quanto riflettono onde elettromagnetiche
e radiazioni, amplificandole notevolmente. Possono generare correnti energetiche, trasportando
congestioni dalle stanze adiacenti.
5. per stare veramente più tranquilli, esercitare continuamente una pulizia energetica con un atteggiamento positivo all’interno dell’edificio; utilizzare trasmutatori naturali come le piante in genere (eccezionali i cactus); fare uso di candele (numero dispari) e incensi.

Si consiglia anche di utilizzare appositi riequilibratori di ambiente (questi tendono a ripristinare sia nell’ambiente e sia nella struttura dell’edificio, alti valori di energia positiva all’essere umano, riparando anche
agli errori commessi e che inevitabilmente si commettono nella realizzazione di una casa, a causa di una ancora scarsa conoscenza sull’arte del costruire sano).

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.