Stampa / Print
Fonte: http://www.sbilanciamoci.org/

Approvando con 562 voti favorevoli, 37 contrari e 20 astensioni una risoluzione sostenuta da tutti i gruppi politici eccetto (IND/DEM), il Parlamento ribadisce «fermamente» le proprie critiche «all’attuale stallo politico» quanto alla mancata adozione della posizione comune in merito alla revisione del Codice di condotta UE sulle esportazioni di armi al fine di «trasformarlo in un efficace strumento di controllo». Nel chiederne quindi l’adozione «senza ulteriori indugi», sottolinea che il contributo dell’UE a un trattato sul commercio di armi internazionalmente vincolante «acquisterà notevole credibilità non appena diverrà giuridicamente vincolante il regime comunitario di controllo delle esportazioni di armi».

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.