Stampa / Print
Fonte: http://feeds.feedburner.com/~r/beppegrillo/rss/~3/491329922/il_granducato_in_mutande.html

No al nucleare, si alle rinnovabili

Clicca l’immagine

Il Granducato ha avuto Lorenzo il Magnifico, gli sono rimasti i diessinidiossini, le banche di sinistra e i disoccupati. I licenziamenti più che a pioggia sono diventati a grandine. Colpiscono un po’ ovunque come chicchi d’uva. Alla do coio, coio.

L’arte e il turismo, da sole, potrebbero fare della Toscana una delle terre più ricche del mondo. Ma gli amministratori del PDmenoelle non possono accontentarsi di così poco. Per lo sviluppo vogliono rigassificatori, inceneritori, mattone e cemento e parcheggi, meglio se nel centro storico.

La Toscana ha una grande opportunità. Trasformarsi da Chiantishire a Nukeshire. I bambini toscani potranno gemellarsi con i fanciulli di Chernobyl. L’Arcipelago Toscano potrebbe infatti accogliere nell’ isola di Pianosa una centrale nucleare. Una delle tante che lo psiconano vuole regalare agli italiani. E’ come aprire una discarica al Ponte Vecchio di Firenze o costruire una palazzina di Ligresti in Piazza dei Miracoli. Belin, non vorrei aver dato delle idee a questa gente.

I bisonti toscani caricano alla “Maremma maiala”. Non li fermi neppure con i pallettoni da cinghiale. Da Roma li possono già sentire. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

FIRENZE: 158 posti a rischio in Telecom Italia

FIRENZE: centinaia di licenziamenti negli alberghi per il crollo del turismo

FIRENZE: senza lavoro 38 dipendenti di Meridiana

PRATO-PROVINCIA: 27 lavoratori in meno ogni settimana

PRATO: licenziati 14 dipendenti della Albini-Pitigliani

PRATO: 14 licenziati alla Becagli

LIVORNO: esuberi Telecom Italia

LIVORNO: a casa 15 dipendenti per la chiusura della Delta

LIVORNO: 50 esuberi alla Liburnia

LIVORNO: disoccupazione per 150 lavoratori della Giopescal

LIVORNO: 16 licenziati alla Misericordia

MASSA: esuberi alla Evam

CARRARA: 24 licenziamenti nel settore del marmo

CAMPI BISENZIO E PONTEDERA: 40 esuberi dietro ai banconi alimentari

PISA: ricercatori dell’ Università alla ricerca di un futuro

PISA: 63 licenziamenti alla Abiogen

Post precedenti:

– Trentino Alto Adige: licenziamenti ad alta quota

– Tra la via Emilia e il West

– La Serenissima disoccupata

– Quella cosa in Lombardia

– Gli zoccoli dei bisonti

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.