Stampa / Print
Fonte: http://feeds.blogo.it/~r/ecoblog/it/~3/bnLCaC_I2SQ/i-cambiam

Secondo l’ISTAT, la temperatura media in Italia nel 2007 – le rilevazioni sono della rete del Servizio meteorologico dell’aeronautica militare – è stata di 14,8 °C. Se confrontiamo questo valore con la temperatura media tra il 1961 ed il 1990, si rileva un aumento di 1,3 °C. Una variazione che supera quella registrata nei due anni precedenti +1,0 °C nel 2006, e +0,3 °C nel 2005.

L’incremento è concentrato nei primi otto messi dell’anno, ed in particolare nei mesi di gennaio, febbraio ed aprile, con punte al nord – con un aumento di 1,6 °C. Al centro ed al nord – ed in particolare in montagna – si è registrato un aumento delle temperature più calde, all’opposto di quello che è avvenuto al Sud – ed in particolare in collina – dove è prevalso il raffreddamento.

Per farsi un’idea del cambiamento climatico basta dire che si sono registrate in media 30 giorni con condizioni meteorologiche estreme – in termini di temperature elevate. Sul Passo Rolle – una stazione posta a oltre duemila metri di quota in provincia di Trento – le giornate con ondate di calore sono state 42.

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.