Stampa / Print
Fonte: http://www.ecoblog.it/post/7447/e-se-tornassimo-a-fare-il-sapone-di-marsiglia-in-casa

Dopo le polemiche sulla biowashball, ma anche delle perplessità sulle noci di saponaria (efficaci per i lavaggi di delicati) o su pallaLinda, sembra chiaro che si ha voglia di un sistema di detergenza per il bucato che sia rispettoso dell’ambiente e che sia economico.

E allora mi è tornato in mente il sapone di Marsiglia, non quello che volgarmente oggi propongono come tale, ma quello verde che si vendeva a pezzi e che se usato adeguatamente non solo lava che più bianco non si può ma è anche naturale, profumato e lo si può usare anche per l’igiene personale.

Ecoikos descrive sul suo blog la ricetta e le procedure che ha appreso da un amica, con la quale ha sperimentato la produzione del sapone:

* 300 ml di acqua (può essere anche succo d’arancia, di limone, di menta, thè alla cannella…a seconda dei vostri gusti)

* 128 gr. di soda caustica

* olio essenziale (quello che più gradite)

* un po’ di farina di riso

In giro per i forum ho trovato anche suggerimenti per l’uso di olio di semi di arachide che invece sconsiglia il sito, un po’ il faro per i neo saponificatori, il mio sapone che nel dettaglio insegna e suggerisce materie prime e metodi per preparare in casa il sapone.

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.