Stampa / Print
Fonte: http://www.carta.org/campagne/dal+mondo/16093

Il segretario della difesa statunitense Robert Gates ha annunciato che entro l’estate gli Usa potrebbero inviare in Afghanistan altre tre brigate da combattimento, per un totale di circa undicimila uomini. L’esercito ne aveva chieste quattro. La prima brigata dovrebbe essere operativa in Afghanistan già entro gennaio 2009, poiché il suo invio era già stato deciso alcuni mesi fa. Le altre due [7 mila combattenti] potrebbero essere schierate entro giugno. Gates, annunciando il nuovo invio di truppe, ha però detto che è essenziale che la nuova amministrazione guidata da Barack Obama [che entrerà in carica il 20 gennaio] rimanga impegnata «pensando a lungo termine» in Afghanistan. La decisione statunitense serve anche a sollecitare nuovi rinforzi anche agli altri paesi della Nato, ben più restii ad aumentare la propria presenza militare a Kabul. Solo la Gran Bretagna ha deciso di spostare in Afghanistan una parte delle truppe che da marzo potrebbero iniziare a lasciare l’Iraq. Gates, però, ha ribadito che senza la «partecipazione» del popolo afghano, la sola opzione militare non è in grado di garantire il futuro del paese.

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.