Stampa / Print
Fonte: http://www.cittadinoqualunque.com/2008/12/14-e-15-dicembre-votazioni-regionali-in.html

“Il 14 e 15 gli abruzzesi andranno alle urne per decidere del loro destino.In Abruzzo l’Italia dei Valori ha messo in campo le sue facce migliori, gente pulita, con le mani libere, e capace. Il candidato alla presidenza per la coalizione del centrosinistra è Carlo Costantini, dell’Italia dei Valori. L’Abruzzo è ad una svolta epocale che può determinare il cambiamento di cui questo Paese ha bisogno per tornare a sperare. Questa svolta è possibile solo se alla guida ci sarà una persona nuova come Carlo ed una squadra vincente di cui l’Italia dei Valori fa parte insieme ad altri partiti.Lo scenario alternativo è quello offerto dal Pdl ma, qualora vincesse l’Abruzzo tornerà al passato di cui la politica del Pdl è espressione. E l’Abruzzo sprofonderà velocemente verso una recessione senza precedenti.”(da antoniodipietro.it)

Il governo Berlusconi in pochi mesi è riuscito a sfasciare la democrazia e la Costituzione, il PD gli ha dato una mano rimanendo silente quando è stato votato il lodo Alfano, il Presidente della Repubblica non è stato per niente il garante che dovrebbe essere, l’unica vera opposizione l’ha fatta Tonino Di Pietro, ed è giunta l’ora per gli italiani dell’Abruzzo di mandare a casa gli approfittatori e i politici conniventi, è giunta l’ora di interrompere lasolita alternanza, è giunto il momento di mandare l’Italia dei Valori al primo posto, così qualcuno si comincerà a cacare addosso, rendendosi conto che la gente si è rotta i coglioni di essere malgovernati da una classe politica con la fedina penale sporca ………………. viva il giustizialismo …….. viva Di Pietro.

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.