Stampa / Print
Fonte: http://cittadiniliberi.blogspot.com/2008/10/i-pacifisti-di-greenpeace-assaltano-la.html

CIVITAVECCHIA – Striscioni che penzolano dal cielo ,una bella pennellata sui muri del molo, a oltre cento metri sulle ciminiere della centrale: “Il governo contro Kyoto”, Quit coal, no carbon, “Mai più carbone”. Sta per sorgere il sole quando un gruppo di attivisti di Greenpeace mette a segno la sua azione alla centrale Enel di Civitavecchia, benedetta nel luglio scorso dal premier ma non ancora in funzione. L’assalto di slogan è pacifico, nello stile degli attivisti dell’associazione ambientalista. E’ contro la politica energetica del governo, quella che a Bruxelles in queste stesse ore minaccia il veto sul pacchetto Ue per tagliare le emissioni di anidride carbonica.

Gli attivisti arrivano dal mare e da terra. Sono più di dieci. L’Arctic Sunrise, la nave rompighiaccio ambientalista, che batte bandiera olandese, cala un gommone con a bordo cinque di loro. Le loro uniche armi sono i pennelli. Attraccano al molo che è appena giorno, dipingono sulla banchina con rulli di vernice nera le loro frasi. Un sole che si oppone al carbone, la firma. Un altro gruppo si arrampica su in alto alle pareti di questa enorme cattedrale del carbone. Alcuni operai in cantiere avvistano i gommoni, si avvicinano curiosi, salutano. Dura circa trenta minuti l'”azione”dei pacifisti di Green Peace, tutto deve essere molto rapido. Sul molo compaiono anche responsabili della centrale, hanno giacca e cravatta, guardano, telefonano. E’ ora di rientrare, forse la polizia e la guardia costiera è stata avvertita. Motori indietro, si risale a bordo.
Una volta in funzione, la centrale di Civitavecchia immetterà in atmosfera oltre 10 milioni di tonnellate di CO2, pari alle emissioni di 2 milioni di SUV, ognuno dei quali percorre 25mila km in un anno. Questo va ad aggiungersi al ritardo che l’Italia ha già contratto per Kyoto (50 Milioni di tonnellate l’anno). Per questo Greenpeace chiede una moratoria sulle centrali a carbone”.
comitato dei cittadini liberi(16 ottobre 2008)

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.