La Nuova Medicina di Hamer

Stampa / Print
Fonte: http://www.nuovamedicina.com/cronologia.asp

Cronologia della Nuova Medicina

1981
Il dott. Hamer presenta le sue scoperte sotto forma di tesi d’abilitazione all’università di Tübingen. L’università si rifiuta di eseguire la verifica e, in circostanze misteriose, non accetta il documento. La domanda d’abilitazione è tuttora nell’attesa di essere verificata!

1983
Il dott. Hamer annuncia le sue scoperte sul 1° canale della televisione tedesca.
Il dott. Hamer cerca di aprire delle cliniche per i suoi pazienti. Spesso vengono chiuse causa la complicità tra uffici, tribunali, stampa e associazioni oncologiche. I pazienti sono buttati in strada dalla polizia. Lettere scritte dai pazienti agli enti pubblici chiedendo la verifica della Nuova Medicina rimangono senza risultati, senza risposte o rimandati con la scritta: “Inopportuno”.

È sorvegliato dall’Interpol. Solo alcuni giornali poco seri scrivono sporadicamente su di lui, spesso sostenuti da opinioni, tutt’altro che scientifiche, di qualche “professore”.

1985
Mia moglie la dott.ssa Sigrid Hamer è morta nel 1985 di dolore per la morte di nostro figlio Dirk, annichilita dal continuo terrore causato dalla famiglia Savoia.

1986
Il tribunale condanna l’università di Tübingen a procedere alla verifica del documento d’abilitazione. La suddetta università persiste sinora nel suo rifiuto.
Il prof. Hanno Beck, professore di scienze naturali, la cui moglie era recentemente deceduta malgrado le fosse stata applicata la terapia tradizionale del cancro, volle organizzare una conferenza scientifica, all’università di Bonn, dove egli stesso insegnava da 25 anni, sul tema del lavoro del dott. Hamer.
Dopo un iniziale accordo, il direttore rifiutò però al dott. Hamer l’ingresso all’università e alla proposta di partecipare egli stesso alla conferenza, rispose “Non voglio discutere”. Perfino il tribunale interpellato dal dott. Beck non condannò l’attitudine del direttore.

Al dott. Hamer viene tolta l’abilitazione ad esercitare la professione di medico dal tribunale distrettuale di Koblenz, con la motivazione (testuale!) di: “Non ritrattazione della legge ferrea del cancro e la non riconversione alla medicina accademica“, e questo senza che le sue scoperte non siano mai state contraddette!

1988
A Vienna è verificata la Legge ferrea del cancro su 7 pazienti dal professore universitario dott. Birkmeyer e dalla dott.ssa Rozkydal sotto la supervisione di altri 5 medici. Il risultato raggiunto corrispondeva al 100% con le affermazioni del dott. Hamer.
14 giorni più tardi il dott. Birkmeyer trovò l’arredamento della sua casa devastato…

1989
In una conferenza medica a Monaco venne presa in esame da 16 medici la Legge ferrea del cancro con 27 pazienti scelti a caso, che il dott. Hamer non conosceva precedentemente. Risultato: 100% di corrispondenza per tutti i casi.
Molteplici tentativi di ricoverare il dott. Hamer in un manicomio, con la motivazione: “Affetto da paranoia, manie di persecuzione”.
Un’ennesima richiesta di verifica ufficiale della Nuova Medicina è rifiutata con la motivazione: “Il dott. Hamer si rifiuta di sottomettersi ad una perizia psichiatrica”.

1990
Fondazione del centro per la Nuova Medicina in Austria (Burgau).
A Namur, durante una conferenza medica, la Legge ferrea del cancro viene esaminata da 17 medici, su 6 pazienti sconosciuti dal Dott. Hamer. Risultato: 100% di concordanza.
Pazienti affetti da cancro che hanno chiesto aiuto al dott. Hamer, vengono interrogati contro la loro volontà nelle loro abitazioni, perché si voleva dimostrare che lui trattava dei pazienti e quindi poterlo condannare irrevocabilmente.

Il dott. Hamer si lascia visitare in Belgio da una dottoressa, specialista in psichiatria, all’università di Louvain. Essa costata quanto segue: “Le sue argomentazioni sono logiche e coerenti, se lui ritiene di sollecitare un’altra diagnosi ed un altro trattamento, lo fa, in ogni modo, basandosi su analisi e ricerche fondate sulla filogenesi che sono derivate dagli elementi fondamentali della medicina accademica. Non posso trovare in lui nessun sintomo di paranoia”.

Petizione del dott. Hamer, con tutta la documentazione, al parlamento europeo a Lussemburgo. Nessuna risposta.

Conferenza medica a Burgau, sono esaminati 20 pazienti in presenza di 30 medici provenienti da vari paesi. Risultato: 100% di concordanza con le leggi biologiche della Nuova Medicina.

1992
Il dott. Pfitzer della facoltà di medicina all’università di Düsseldorf incarica il prof. dott. Stemmann, primario della clinica pediatrica di Gelsenkirchen, e la dott.ssa Elke Mühlpfort, medico legale, di esaminare 24 pazienti affetti di cancro, i quali, oltre al cancro e leucemia presentavano almeno quattro o cinque ulteriori affezioni gravi come: diabete, allergie, epilessia, tumori al cerebrali, malattie infettive, TBC, sarcomi.
Scopo dell’esame: verifica della legge ferrea del cancro.
Risultato: “Nei 24 casi, considerando che ogni paziente presentava più di un’affezione, abbiamo trovato le leggi biologiche delle Nuova Medicina corrispondenti, esattamente e senza eccezioni, per ogni singola malattia, e ciò su tutti tre i livelli (psichico, cerebrale, organico). Secondo le precise tecniche di verifica scientifica che esigono la riproducibilità, l’ipotesi che le leggi biologiche della Nuova Medicina siano esatte, deve essere sin d’ora seriamente considerata con la massima probabilità”.

Nessuna reazione dall’università di Düsseldorf. Nel 1993 sarà richiesto al dott. Stemmann di astenersi dalle cure psichiche e gli fu assegnato a tale scopo uno psichiatra infantile nel proprio reparto!

1993
Il dott. Willibald Stangl, medico legale, presidente dei medici legali dell’Austria meridionale, in seguito ad un processo in cui era stato citato in giudizio da un paziente per la non osservazione della legge ferrea del cancro, ne esamina personalmente la corrispondenza su 250 pazienti. Risultato: 100% di concordanza.

Scrive in seguito all’università di Vienna: “Quale presidente della nostra società scientifica, le chiedo, egregio decano, di provvedere alla verifica della legge ferrea del cancro nell’ambito della vostra università”. Reazione: per 14 giorni la famiglia Stangl è terrorizzata telefonicamente e il dott. Stangl è convocato al tribunale di prima istanza, dove gli viene insistentemente “consigliato” di ritirare la sua richiesta presso l’università sotto pena di vedersi revocato il diritto di esercitare la professione di medico. Il dott. Stangl fu costretto a ritirare la sua richiesta di verifica. Il dott. Hamer ed alcuni pazienti scrivono al cancelliere austriaco: nessuna risposta. La stampa resta muta. Il presidente austriaco, sig. Klestil, promette infine di provvedere ad una verifica. Nulla di fatto!

In Francia, nello stesso giorno, circa 1000 medici, formati dal dott. Hamer e che praticavano da diversi anni secondo i principi della Nuova Medicina, sono convocati alle loro rispettive sedi del Conseil Médical (ordine dei medici) e posti davanti alla scelta di sottoscrivere che accettavano di abiurare la Nuova Medicina e di tornare alla pratica della medicina accademica oppure di essere revocati!

1994
L’università di Tübingen viene condannata dal tribunale amministrativo a procedere finalmente alla verifica dei lavori del dott. Hamer (il documento di abilitazione era stato presentato già 13 anni prima!). L’università risponde che ormai la tesi era troppo vecchia e quindi decaduta. Il dott. Hamer la riscrive.(vedi bibliografia) L’università nomina due periti.

Marzo: Nel giorno della verifica, 8 pazienti ed il dott. Hamer si trovano di fronte alle porte chiuse dell’università di Tübingen. Spiegazione: il prof. Klippel, uno dei periti convocati era dovuto partire urgentemente per un “affare molto importante”.

Giugno: Il decano dell’università spiega: “Non è previsto nel regolamento dell’abilitazione di sperimentare, verificando o falsificando, le tesi ed i fatti proposti”.
Su quale base allora sono nominati i professori, se le tesi non vengono prese in esame?

Settembre: 4 medici belgi sono convocati davanti al tribunale per rispondere della loro terapia in accordo con le tesi del dott. Hamer, due di loro proprio nel giorno in cui partecipavano ad una conferenza sulla Nuova Medicina.

1995/96
Il caso Olivia suscita interesse internazionale. Alla bambina di 8 anni viene diagnosticato dai medici, nel marzo 1995, un tumore di Wilms.
I genitori rifiutano la chemio proposta dalla medicina ufficiale e si rivolgono al dott. Hamer. Sono costretti a scappare dall’Austria a causa della minaccia di vedersi ritirare la loro podestà parentale.
Benché ai genitori fosse stato promesso dalle autorità austriache di non intervenire sulla bambina con cure mediche senza il loro esplicito consenso, qualora avessero accettato di tornare in patria, ad Olivia viene somministrata la chemio, contro la volontà dei genitori, in terapia coatta.

Lei riesce a sopravvivere, soffre però ancora oggi delle conseguenze della terapia coatta e degli effetti collaterali della chemio. La stampa poté deformare, in maniera meschina, questi fatti, per sostenere la medicina ufficiale: il dott. Hamer era diventato un ciarlatano ed i genitori degli irresponsabili. Le leggi biologiche della Nuova Medicina spesso non erano state nemmeno citate, figuriamoci spiegate!

Novembre 1996
I genitori sono condannati ad 8 mesi di carcere con condizionale. Essi permangono tuttora convinti della veridicità della Nuova Medicina e si attivano a propagare le conoscenze delle leggi biologiche scoperte dal dott. Hamer.
(vedi sito: http://www.pilhar.com/ ).

11 settembre 1998
Presso l’istituto oncologico S.Elisabetta a Bratislava e il Dipartimento Oncologico dell’ospedale di Trnava si è proceduto alla verifica delle cinque leggi biologiche della Nuova Medicina a livello universitario, trovandole perfettamente confermate. (vedi testo sotto)

Ottobre 2001
Il dottor Hamer viene condannato, per l’ennesima volta, da un tribunale in Francia a 1 anno e mezzo di reclusione per aver “istigato alla Nuova Medicina” ! (il medio evo è tuttora presente!)

Novembre 2003
Il divieto all’esercizio della professione gli è stato nuovamente confermato dal tribunale amministrativo di Francoforte: con la motivazione della sua “inconciliabilità con la medicina ufficiale”! Già nel 1991 un giudice presidente del tribunale di Colonia lo aveva “consigliato ufficiosamente” di non occuparsi mai più di medicina. Solo così avrebbe potuto evitare l’arresto.

Il dott. Hamer si trova quindi costretto all’esilio in Spagna per la sola colpa di aver scoperto queste leggi biologiche della natura che sono in netto contrasto con gli enormi interessi finanziari legati alla medicina ufficiale!

1 Aprile 2004
Il dott. Hamer intenta una causa presso il tribunale di Stoccarda per riavere l’abilitazione quale medico, dove viene chiesta che la Nuova Medicina venga ufficialmente riconosciuta. La sentenza è negativa.

Decide di proteggere le sue scoperte registrandole sotto il nome di NUOVA MEDICINA GERMANICA ® e pubblica il nuovo testo “Introduzione alla Nuova Medicina Germanica ® ” che riscontra subito un grande successo.

9 Settembre 2004
Il dottor Hamer viene prelevato da casa sua ed incarcerato a Madrid in attesa di essere estradato in Francia per il processo in corso del 2001. La condanna passa da 1 anno e mezzo a 3 per ragioni poco chiare se non per permettere alla Francia di chiederne l’estradizione immediata.

L’avvocato spagnolo scopre che si tratta di una incarcerazione preventiva perché il processo in cassazione non è ancora finito, e dei gravi vizi di forma ma quando chiede alle autorità competenti quanto tempo gli rimanga per fare ricorso e chiederne la scarcerazione immediata, questi gli rispondono 11 giorni e immediatamente dopo lo trasferiscono in Francia dove resta segregato per quasi due mesi senza incontrare né gli avvocati né i suoi famigliari. I suoi avvocati possono fargli visita per la prima volta solo dopo che fosse scaduto il tempo disponibile per presentare il ricorso in cassazione! Attualmente è quindi incarcerato in Francia. Unica nota positiva, forse anche grazie alla pressione fatta da tutta Europa in suo sostegno, è finito l’isolamento e quindi si riduce anche il rischio che venga psichiatrizzato.

Attualmente il dott. Hamer si trova in carcere in Francia con l’accusa di truffa per esercizio illegale della medicina. E’ chiaro che l’intento non è quello di punire un “criminale” ma quello di metterlo a tacere, isolandolo. Ma la forza del dott. Hamer e delle sue 5 Leggi Biologiche è più grande di qualsiasi abuso di potere! E la forza del dott. Hamer siamo noi, non lasciamolo solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *